Olio essenziale di finocchio o semenza calda

Il finocchio fa parte delle “quattro semenze calde”, con l’anice, il carvi e il cumino. Nell’antichità a questa pianta si attribuivano importanti doti terapeutiche, come quella di migliorare la vista, assumendolo sotto forma di succo che sgorgava dalla pianta; l’infuso di semi favorisce la digestione e ha azione carminativa, nelle puerpere stimola la produzione del latte; masticarne i semi stimola l’appetito, ma tradizionalmente al finocchio vengono attribuite anche proprietà dimagranti. L’essenza è tonica e stimolante, efficace in tutti i disturbi dell’apparato digerente: nausea, singhiozzo, dispepsia, aerofagia, meteorismo, stipsi, colite.

L’intestino, con la sua funzione di organo in interscambio tra l’interno e lesterno, è un organo governato da Mercurio, il dio messaggero che mette in comunicazione un piano con l’altro. Il finocchio, pianta mercuriana, ha una spiccata e benefica azione sull’intestino, in quanto regolarizza la peristalsi, eliminando le contrazioni troppo forti e stimolando quelle troppo deboli. Contiene un ormone vegetale ad attività estrogenica, che spiega la sua azione a livello dell’apparato sessuale femminile; regolarizza le mestruazioni insufficienti, riduce la ritenzione di liquidi nel periodo premestruale, in menopausa stimola la produzione di ormoni, durante il periodo dell’allattamento qualche goccia massaggiata sul seno riduce la tensione mammaria.

I fitormoni in esso contenuti svolgono un’azione stimolante sulla pelle, in presenza di rughe, pelle opaca, asfittica o grassa. Ha azione diuretica, facilita l’eliminazione dell’acido urico, si combina bene con essenze quali il ginepro o il cipresso nel massaggio linfodrenante per la cellulite o gli edemi.Combatte gli effetti tossici dell’alcool nell’organismo; una o due gocce massaggiate sulletempie danno sollievo al mal di testa conseguente a un eccesso di bevande alcoliche.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie