Parigi-Londra in bicicletta: un viaggio indimenticabile

Che cosa lega Parigi e Londra? Beh, di sicuro una meravigliosa avventura a bordo di biciclette. Un tour ecologico e salutare che congiunge due capitali meravigliose. Trecentosessantasette km di emozioni per una vacanza della durata di otto giorni.

La Ville Lumière col suo fascino senza tempo e Londra dove modernità e tradizione convivono pacificamente.  Panorami mozzafiato nei quali la natura, i castelli e le cattedrali si susseguono in un itinerario ciclabile proposto da Avenue Verte e di fresca inaugurazione. Infatti, è stato lanciato proprio in occasione delle Olimpiadi di Londra nel 2012. La magia della Senna con le sue rive boscose che hanno ispirato Monet oppure la storica regione del Vexin tra vecchie ferrovie abbandonate e stradine di campagna poco trafficate. Per non parlare delle frastagliate scogliere di South Downs o delle dolci colline del Sussex nella bella campagna inglese. Sono questi i paesaggi variegati che si rivivranno a bordo delle due ruote, un’esperienza che fa al caso giusto per chi cerca una pedalata tra natura, cultura e relax.

E’ a Parigi che avviene la consegna delle biciclette, dopo un primo giorno di presentazioni per conoscere i compagni di escursione. Il punto di partenza è Notre Dame e le prime destinazioni prevedono la pista ciclabile del Canal St. Martin e del bacino della Villette nonché le promenade che costeggiano la Senna.  L’arte sarà una costante come si può evincere dal programma che nei primi giorni francesi prevede una sosta tra le ninfee, i ponti e gli arbusti rari del Parc des Impressionistes di Rueil-Malmaison o la visita al castello di Maison Laffitte, esempio celeberrimo di barocco francese.

Proseguendo nella pedalata all’ombra dei roveri e dei faggi della Foresta di St. Germain-en-Laye e del Parco regionale del Vexin Français si cambia aria, giungendo nell’affascinante regione della Normandia. Ad attendere i ciclisti è la volta di Gisors, antica città medievale avvolta dal mistero della leggenda dei Templari e di Forges-les-Eaux, stazione termale dal XVI secolo. Gli ultimi giorni in terra francese hanno come cornice quella del Pays de Bray, territorio disseminato di fattorie che con i loro prodotti riforniscono i mercati normanni e parigini. Mentre con il fascino del castello di Mesnières-en-Bray si lascia posto a un panorama di architettura rinascimentale francese.

L’arrivo a Dieppe, avvisa che è il momento di varcare il confine, ed è qui che è previsto l’imbarco per la traversata della Manica. Le prime giornate sotto la bandiera del Regno Unito prevedono soste tra i misteri del Devil’s Dyke, leggendaria valle che si dice sia stata scavata dal Diavolo, e nella città di Crawley, località raggiungibile attraverso la Tilgate Forest.

Il percorso prevede una fermata persino a Brighton che con il suo molo scintillante, i suoi caffè e il suggestivo centro storico è una delle destinazioni di vacanza più popolari per gli inglesi in estate. Mentre pedalando tra le immacolate scogliere del South Downs si farà tappa anche a Newhaven. L’atmosfera di Londra si fa sempre più vicina. Un’anticipazione giunge dalla contea del Surrey. Sarà il fiume Wandle che accompagnerà i ciclisti fino al Tamigi, attraversando le campagne del North Downs e diversi parchi. Nel cuore del settimo giorno si raggiungerà la capitale britannica. Il punto di arrivo di questo indimenticabile tour sarà proprio Westminster Abbey.

Per maggiori informazioni, anche relative alla tratta inversa si può dare un’occhiata al sito www.verde-natura.it

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie