Società olandese produce elettricità da piante vive

La necessità di creare energia da fonti facilmente disponibili, ha spinto una società olandese a fare un progresso significativo. L’azienda sfrutta l’elettricità ottenuta da piante vive, che viene poi utilizzata per accendere i lampioni, telefoni cellulari e Wi-Fi hot spot. Concepito nel 2014 presso una vecchia fabbrica di munizioni, il designer del progetto “Starry Sky”, ha, per così dire sigillato il sottoprodotto della fotosintesi. I moduli di potenza dell’impianto Plant-e potrebbero segnare l’alba della prossima rivoluzione nell’energia pulita. E questo è stato dimostrato non solo a parole ma con più di 300 lampioni a LED funzionanti in due siti nei Paesi Bassi, insieme a diversi caricabatterie per telefoni cellulare e Wi-Fi hot spot, che ora sono alimentati dall’energia della Plant-e.

Questo è un progetto interessante, che dà un sacco di potenzialità e sostenibilità alla creazione di energia attraverso le piante. L’approccio di Plant-e si basa su un principio, che non richiede di danneggiare la pianta al fine di sfruttare la sua energia. Piuttosto, l’energia prodotta è abbastanza notevole, che ppuò essere utilizzata per diversi scopi.

Per i progetti di lluminazione stradale olandesi, il processo di generazione di energia elettrica di Plant-e utilizza piante che crescono in contenitori di plastica di due metri quadrati. Le piante subiscono la fotosintesi, in sostanza, trasformando l’energia solare in zuccheri. Man mano che crescono, le piante producono sempre più zuccheri di cui hanno bisogno, e l’eccesso viene espulso attraverso le loro radici nel terreno circostante, qui gli zuccheri si suddividono in protoni ed elettroni. Il sistema Plant-e utilizza elettrodi nel terreno che attendono la ripartizione di questi rifiuti, conducendo in tal modo l’elettricità.

I fondatori della società sperano che un giorno loro tecnologia sarà utilizzata per fornire energia in aree povere del mondo dove la vita vegetale è abbondante, come nelle risaie o in prossimità di zone umide. Tutto quello che di deve capire ora, è che siamo di fronte ad un modo conveniente, in modo che questa tecnologia possa raggiungere più persone intorno al globo.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie