Come prendere esempio dai Magri per Dimagrire

Dimagrire è l’obiettivo permanente di molte persone, e le diete o le metodologie per perdere peso sono quasi infinite. Ma chi decide di mettersi a dieta non sempre ce la fa a portare avanti con costanza la dieta, ricadendo nella solita routine. Ebbene, come possiamo prendere esempio dai comportamenti che tengono tutti coloro che problemi di peso non anno: 5 cose che non fanno e 5 che invece fanno.

Non divorano tutto un pacchetto di biscotti
Brutta abitudine. La tendenza è quella di mangiare in automatico, mentre si fa qualcosa. Assolutamente no. Prendete la razione di cui necessite, quattro o cinque biscotti, una ciotola piccola di patate fritte, insaporitela un po’ ma poi non andate oltre.

Non pensano di essere sempre a dieta
Privarsi continuamente di qualcosa non fa altro che aumentarne il desiderio. Gran parte delle persone in forma riconosce che, quando ha voglia di qualcosa di particolare la prendono perché così non rimane loro la voglia.

Non si sentono colpevoli se un giorno hanno più fame del solito
Ogni tanto uno piccolo stravizio non fa male. Ma attenzione ai sensi di colpa, se continuano a perseguitarvi vi stresseranno e basta. Quando siamo stressati si producono cambiamenti ormonali nell’organismo. Uno degli ormoni che aumenta è la grelina, responsabile della fame. Più senso di colpa e più stress = più fame.

Non parlano tutto il giorno di cibo
Quando il cibo si trasforma nell’asse centrale delle relazioni sociali e familiari, la relazione col cibo smette di essere sana.

Non dicono di avere successo per il loro aspetto fisico
Viviamo nel mondo delle apparenze e dell’immagine, ma quando esiste equilibrio psichico ed emozionale si arriva alla convinzione che quello non è tutto: il valore personale non dipende dalle curve che si hanno.

Credono in se stessi
Segnatevi gli obiettivi che possono essere raggiungibili, segnate quando li raggiungete e in quanto tempo. Elaborate un piano anti-crisi, se qualcosa dovesse andare storto. Questo vi aiuterà ad uscire dalla difficoltà e a tornare a credere in quello che puoi fare.

Fanno a metà pomeriggio un pisolino invece di mangiare
Nei periodi di ansia si tende a mangiare di più. Se dopo avere mangiato avete ancora fame non è il vostro organismo che necessita di cibo, ma la mente. Non è fame reale. Un pisolino può fare miracoli. Al risveglio, non avrete voglia di mangiare. Approfittante invece per prendere qualcosa di liquido e nutriente, un succo di frutta per esempio.

Hanno degli hobby per il week end
Si deve distrarre la mente con attività che implichino attenzione e concentrazione ma che contemporaneamente appassionino. Fate una lista di due o tre hobby che vi piacerebbe fare e dedicategli alcune ore del fine settimana.

Superano la pigrizia che tutti, qualche volta, abbiamo
In un’ora di camminata a ritmo sostenuto possono bruciarsi 350 calorie; in un’ora e mezza fino a 500. Il problema è vincere la pigrizia. Questa è la linea che segna la differenza tra le persone magre ed attive e quelle che si lasciano dominare dalla pigrizia.

Ricordano gli sbagli commessi
Quando si hanno in mente obiettivi ben precisi che per qualche motivo non sono stati raggiunti, si deve cambiare la maniera di fare le cose. E’ importante trasformare questi sbagli in vantaggi.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie