Facebook: nuovo virus si sta diffondendo tramite i profili, infetta il pc e ruba dati sensibili

‘Agente Lisa’, uno dei profili facebook della Polizia di Stato, sta mettendo in guardia gli utenti del più popolare dei social network, da un nuovo ‪virus‬ che si  sta diffondendo tramite i profili ‪Facebook‬.

” Se vi ritrovate taggati in un video o in una foto da un vostro amico (si tratta quasi sempre di pornografia) solo che il vostro amico non ne sa niente e se, incuriositi, cliccate sul link, il vostro pc sarà infettato da un virus”. Si tratta di un programma malevolo che si insinua nel computer e tra i vari effetti può carpire anche i dati sensibili. Questo virus, inoltre si può trasmettere da contatto a contatto, ad esempio si può insinuare nella chat, quindi se chattate con un amico “infetto” potreste essere infettati anche voi. Fate attenzione poi anche agli smartphone, perchè si può diffondere anche sui telefonini.

I consigli della Polizia di stato su come difendersi? Prima di tutto evitate di cliccare su link che vi sembrano strani (possibile che un mio amico mi tagghi in un video porno sulla mia bacheca?). Installate un buon antivirus aggiornato. E usate il passaparola con i vostri contatti di Facebook. Una buona idea è quella di scrivere un post sulla vostra bacheca dicendo a tutti gli amici che non avete taggato nessuno su video o foto e di non aprire link inviati a vostro nome perché si tratta di un virus.

In alternativa, si può condividere il post pubblicato sulla bacheca di ‘Agente Lisà. “Pochi accorgimenti che sicuramente basteranno a salvaguardare il vostro computer”, tranquilizza la Polizia. Con la pagina Facebook ‘Agente Lisà la Polizia di Stato vuole comunicare alla gente, con un approccio giovane e ‘friendly’, i risultati del lavoro quotidiano dei poliziotti, ma soprattutto mettere in guardia i cittadini dai pericoli che ci sono in internet e nella vita di tutti i giorni. Un’iniziativa che piace, a giudicare dalle centinaia di migliaia di contatti quotidiani e in continuo aumento.Pochi accorgimenti che sicuramente basteranno a salvaguardare il vostro computer.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie