I nuovi Trend delle Spa: Forest Therapy e Cannabis

Come potete immaginare il mondo è diviso fra coloro che puntano al fai da te in fatto di bellezza e chi invece punta sulle ben note Spa, e proprio queste ultime stanno davvero guidando le più innovative tendenze seguendo anche il filone green per i propri clienti. Chi si occupa del settore Spa conoscerà anche il relativo report mondiale lo Spa & Wellness che ogni anno elenca i migliori centri di benessere e le tendenze del momento.

Bagni nella foresta
La Spa del Miramonte Boutique hotel di Merano è in prima linea nell’offrire ai propri clienti un nuovo tipo di trattamento: i ‘bagni nei boschi’. Intendiamoci, qui l’acqua non c’entra nulla, si tratta in verità di una totale immersione nella natura, che sempre usando un termine inglese si chiama appunto “froest-therapy”. Si passeggia nella natura incontaminata, in silenzio. Ora,che l’energia degli alberi sia un toccasana è un concetto molto antico, e questa nuova tendenza non è certo nuova, dato che sono stati i Giapponesi a sdoganare questometodo antistress e antidepressione. Passeggiare in silenzio nei boschi ci aiuta a beneficiare dei fitoncidi, materie vive attive delle piante, da loro prodotte per autodifesa, ma che pare siano in grado di abbassare l’inquinamento e rinforzare il nostro sistema immunitario.

Cannabis-Spa
La cannabis è terapeutica, ed ecco nascere le Cannabis-Spa nelle quali si sfruttano le virtù dei semi di canapa per trattamenti estetici e rilassanti. In questi centri viene usato il cannabidiolo per massaggi, oli, latte e succhi oltre che per meditazione, agopuntura, pilates e yoga. In Italia ancora nulla, ma nel caso vi trovaste a San Francisco potete andare al Ganja Yoga, mentre a New York trovate il 420 Fight CLub. In Europa c’è l’Airam and La Maria a Barcellona, mentre in Austria il Therme Laa Hotel & Spa.

Islamic Spa
Molto richiesti e di tendenza i trattamenti tipici del mondo islamico, già noti sono gli hammam, l’olio di argan, più nuovi sono invece i trattamenti con il grano verde frekeeh, la farina di tef etiope, la curcuma e la salsa piccantissima harissa, insieme al latte di cammello, frutti e oli dall’albero di Baobab e la resina di Frankincense ad azione antinvecchiamento. Oltre a massaggi nella sabbia araba calda e menù asiatici curativi.

Wellness per dipendenti
Non mancano i programmi wellness nemmeno per impiegati e operai, infatti molte industri, aziende di trasporti, di servizi e manifatturiere hanno iniziato ad avviare programmi wellness per i dipendenti. UN esempio? I corsi fitness avviati nella fabbrica americana di Chattanooga della Volkswagen.

Anche in aereoporto
Gli aereoporti si stanno attrezzando, infatti per i viaggiatori abituali e contro i terrificanti effetti del jet-leg ai terminal, alle partenze e agli arrivi arrivano i massaggi. Ci sono i massaggi basic offerti da tempo da Virgin, British airways e Qantas ma anche quelli di lusso. Alla Spa Six Senses nella lounge della prima classe di Abu Dhabi i servizi sono full-optional. Ma si trovano anche le XpressSpa dislocate in 50 aeroporti statunitensi e Be Relax è invece un catena francese.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie