Peperoncino bruciagrassi aiuta a dimagrire

Gli estimatori del cibo piccante sono molti, e sappiamo anche quali siano i benefici del peperoncino. Ma se mangiare piccante fosse la chiave per dimagrire? Sembra che sia possibile, per lo meno funaziona sui topi, protagonisti di un esperimento messo a punto da un team di scineziati americani dell’università del Wyoming, presentato a Baltimora (Usa) al 59esimo meeting annuale della Biophysical Society. Al vaglio degli studiosi la capsacina, componente chiave del peperoncino, che nei topi di laboratorio è riuscita a contrastare gli effetti di una dieta ipercalorica ricca di grassi e a prevenire l’aumento di peso.

Baskaran Thyagarajan e colleghi, del team ‘Baskilab’ attivo presso la Scuola di farmacia dell’ateneo statunitense, ipotizzano che la capsaicina introdotta con la dieta potrebbe aiutare a perdere peso anche senza particolari restrizioni caloriche, perché sembra indurre la trasformazione delle cellule del tessuto adiposo bianco in cellule di quello bruno brucia-grassi. In pratica, il composto chimico che conferisce al peperoncino il suo sapore agirebbe sul metabolismo energetico stimolando la termogenesi: invece di depositarsi sotto forma di accumuli di adipe, il grasso ingerito verrebbe dissipato in calore.

Per quanto riguarda l’uomo è ancora tutto da verificare, ma l’idea è che il peperoncino possa essere un valido alleato contro l’epidemia di sovrappeso e obesità che colpisce un terzo della popolazione del pianeta secondo i dati dell’Organizzazione mondiale della sanità. La speranza è di contribuire a prevenire non solo i chili di troppo, ma soprattutto le loro conseguenze a lungo termine sulla salute: diabete di tipo 2, ipertensione e malattie cardiovascolari.

Spiegano gli scienziati del Baskilab: “L’obiettivo principale del nostro lavoro, è capire meglio il meccanismo con il quale la capsaicina potrebbe contrastare l’obesità, trasformando queste prime osservazioni in raccomandazioni dietetiche concrete. Il passaggio successivo, più a lungo termine, sarebbe quello di sviluppare nuovi farmaci in grado di prevenire e trattare l’obesità, appositamente disegnati in modo da agire sugli ‘interruttori’ ai quali si lega la capsaicina (recettori TRPV1)”.

Secondo i ricercatori, tuttavia, lo sviluppo di un integratore alimentare naturale come strategia anti-obesità è già fattibile in termini clinici. “Nel nostro laboratorio – riferiscono – stiamo lavorando una formulazione basata su nanoparticelle, a rilascio prolungato di principio attivo. Ciò potrebbe aprire la strada a un approccio dietetico, basato su un supplemento naturale, per prevenire e trattare una delle malattie più pericolose per la vita: l’obesità e le sue complicanze”.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie