A Riccione la spesa si fa anche con la raccolta differenziata

Comportamenti virtuosi premiati con buoni spesa per generi alimentari o per l’acquisto di materiale scolastico. E’ quanto ha deliberato la giunta del Comune di Riccione, che con il progetto “Fare Raccolta” vuole insegnare ai ragazzi delle scuole che il rifiuto può essere una “risorsa”. Soggetti di questa iniziativa sono le bottiglie di plastica destinate al recupero.

Ma nel dettaglio cosa prevede la delibera? Nei pressi della Scuola Media di Viale Einaudi, zona ex fornace, sarà posizionato un raccoglitore per il conferimento di bottiglie di plastica destinate al recupero, ad esso tutti i cittadini potranno accedere. Chi introdurrà le bottiglie di plastica otterrà uno scontrino spendibile per prodotti alimentari o scolastici, più sono le bottiglie inserite, maggiore sarà il numero dei buoni spesa rilasciati dal raccoglitore, così chi effettua in maniera corretta la raccolta differenziata recupera i materiali e ne ottiene un vantaggio economico.

Secondo l’Assessore all’Ambiente Susanna Vicarelli: “Si tratta di un’iniziativa che mira a sensibilizzare i ragazzi ad una corretta gestione dei rifiuti perché riciclare significa inquinare meno e rispettare l’ambiente in un’ottica di valorizzazione del rifiuto prodotto. Essere dunque sempre più consapevoli dell’importanza delle attività di riciclo dei rifiuti con conseguenti effetti positivi sia per l’economia che per la tutela del nostro ambiente”. In sostanza, l’iniziativa determina sia la riduzione dei rifiuti lasciati in spazi pubblici grazie a un’offerta didattica ambientale e culturale a favore della cittadinanza e dei turisti che si trovano in città, sia l’inserimento in un circuito virtuoso di attività economiche del territorio.

Manuelita Lupo: