Troppo esercizio fisico può portare a delle conseguenze inaspettate, ecco perchè

A volte un esercizio costante e eccessivamente intenso può portare a delle conseguenze inaspettate. L’equilibrio è sempre la scelta giusta. Se da un lato la sedentarietà uccide, anche la troppa attività non fa per niente bene, anzi, troppo esercizio fisico puo’ uccidere proprio come puo’ farlo lo stare seduti per troppo tempo sul divano. A rivelarlo uno studio del Frederiksberg Hospital di Copenhagen, in Danimarca, ha infatti scoperto che a fare bene sono solo piccole quantita’ di esercizio moderato. Quindi meglio una corsetta lenta al massimo per tre volte a settimana per non pi’ di 2,4 ore complessive.

Per arrivare a queste conclusioni, pubblicate sul Journal of American College of Cardiology, i ricercatori hanno esaminato 5.048 persone sane che hanno preso parte al Copenhagen City Heart Study. Tra queste sono state individuate 1.098 persone amanti dello jogging e 413 sedentarie. Prendendo in considerazione le ore di jogging, la frequenza cardiaca e la percezione individuale del ritmo di esercizio fisico, i ricercatori hanno scoperto che, in 12 anni, chi fa jogging intenso ha le stesse probabilita’ di morire di chi e’ sedentario, mentre chi la corsa moderata e’ risultata associata a una mortalita’ piu’ bassa e una frequenza cardiaca migliore. “Se il vostro obiettivo e’ quello di diminuire il rischio di morte e di migliorare l’aspettativa di vita – ha detto Peter Schnohr, autore dello studio – fare jogging un paio di volte alla settimana ad un ritmo moderato e’ una buona strategia. fare di piu’ non e’ solo inutile, ma puo’ essere dannoso”.

I ricercatori, a conclusione degli studi, tendono a precisare che questi risultati non devono creare allarmismi e che fare esercizio è sempre meglio che non farlo e che questo, se fatto con giudizio, non può che fare bene. Insomma, gli eccessi non sono mai benefici ma il giusto sì.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie