Ylang-Ylang, l’olio essenziale dei capelli

Ylang-ylang significa in filippino “fiore de fiori”. Questo albero esotico originario dell’Asia tropicale e coltivato a Giava, Sumatra e nel Madagascar, simile a un salice piangente con i rami ricurvi verso il basso, porta grandi fiori delicati di colore rosa, malva o giallo a seconda della varietà. Quando la colorazione del fiore è completa, esso emana un profumo intenso e caratteristico. L’essenza più pregiata si ottiene dalla varietà con i fiori gialli. Essi vengono raccolti all’inizio dell’estate all’alba, prima che il calore del sole appesantisca troppo il loro profumo.

L’essenza viene estratta con un processo di distillazione in vapore acqueo: l’olio ottenuto con la prima parte della distillazione è il più pregiato e viene chiamato ylang-ylang extra; con la distillazione successiva si ottengono i distillati di grado 1, 2 e 3, meno pregiati. L’essenza ha un aroma molto persistente, che viene usato in profumeria per “fissare” i profumi.

Questo fiore è molto conosciuto dalle popolazioni locali, per le sue proprietà benefiche sulla pelle, per le dermatiti e le morsicature di insetti e per la bellezza dei capelli: le ragazze molucchesi mettevano i lunghi petali ricurvi a macerare al sole in olio di cocco, per preparare un unguento da spargere sui capelli. I colonialisti europei presero spunto da questa usanza e fecero dell’ylang-ylang un componente di un olio per la cura dei capelli, noto con il nome di “olio di Macassar”.

Come altre essenze tratte dai fiori, anche l’ylang-ylang esercita uno spiccato effetto distensivo sul sistema nervoso. La sua fragranza soave ed esotica è estremamente piacevole e svolge un effetto rilassante e leggermente euforizzante. E’ perciò indicata per gli stati di stress e tensione nervosa, ansia, depressione, come altri delicati oli floreali quali gelsomino, neroli, rosa, con cui può essere eventualmente associata per creare un effetto sinergico sulla psiche.

Altre associazioni consigliate sono con maggiorana e basilico, dall’effetto più stimolante. Dell’ylang-ylang si è anche detto che “frena la collera derivante dalla frustrazione”. L’effetto calmante e distensivo viene raggiunto maggiormente se l’essenza viene utilizzata per bagni o massaggi rilassanti. In Indonesia i suoi fiori vengono sparsi sul letto nuziale degli sposi: l’essenza è tra quelle più frequentemente indicate come afrodisiache. utile in caso di diminuzione del desiderio sessuale.

Ha un’azione calmante sul cuore e sul respiro, in caso di tachicardia, palpitazioni, respiro affannoso legato all’ansia; dà ottimi servigi alla pelle, per massaggi facciali, e ai capelli, per rafforzarli e frenarne la caduta. In questo caso si consiglia di utilizzare l’ylang-ylang per frizioni e massaggi al cuoio capelluto, miscelandolo con altre essenze attive in questo senso, come rismarino e alloro.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie