75 giorni solo con le Rinnovabili: Costa Rica da Record

E’ dimostrato che un intero paese può essere efficiente sfruttando esclusivamente le risorse rinnovabili, lo ha fatto il Costa Rica, che ha raggiunto l’obiettivo di generare la sua energia da fonti rinnovabili con la combinazione di geotermico e idroelettrico per 75 giorni. Lo ha reso noto il Costa Rican Electricity Institute.

Merito anche delle abbondati piogge grazie alle quali quattro degli impianti idroelettrici presenti nel Paese sono stati in grado di fornire energia al Costa Rica senza necessità dell’apporto di fonti derivate dagli idrocarburi. la conferma viene anche dai dati del sistema elettrico nazionale, che da gennaio hanno notato questa tendenza che ancora non si è esaurita.

Inoltre il Costa Rica è detentore del record di produzione di energia elettrica sia efficiente che economica, infatti in America Latina è il secondo paese che fornisce un tasso di copertura pari al 99,4 per cento delle famiglie con i prezzi più bassi ti tutta la regione. Secondo le previsioni del Transnational Institute (TNI), per soddisfare le esigenze mensili delle famiglie costaricane che hanno un reddito medio basso e medio, sarebbero sufficienti 250kWh, ad un costo pari al 7% del salario minimo.

Gà lo scorso anno il Costa Rica ha prodotto fino all’80 per cento della sua elettricità da impianti idroelettrici, anche se le recenti siccità hanno portato la nazione a fare ricorso a sistemi di back-up a gasolio. Ma se guardiano ancora più indietro nel tempo, già nel 2010, i dati evidenziano che circa il 13 per cento dell’energia in Costa Rica è stata generata da impianti geotermici.

Proprio grazie a questi eccellenti risultati, il Paese ha deciso di investire in numerose nuovi grandi centrali geotermiche: infatti il governo ha già approvato un progetto da un miliardo di dollari, co-finanziato dall’Agenzia giapponese per la cooperazione internazionale (JICA) e dalla Banca europea per gli investimenti (BEI). Le nuove centrali saranno costruite nella la provincia di Guanacaste, nel nord ovest del Paese. Gli impianti dovrebbero arrivare a generare elettricità ad un costo di circa 5 centesimi per chilowattora.
Fonte Rinnovabili.it

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie