Acqua: calo del 40% della disponibilità nel 2030, Onu lancia l’allarme – video

Domani 22 marzo si celebra la Giornata Mondiale dell’Acqua, un’occasione per accendere i riflettori sul problema del diritto all’acqua e la sostenibilità ambientale. L’argomento è particolarmente delicato e di grande rilevanza perché ancora oggi la maggior parte dei modelli economici, dominati dalla logica della produttività, non rispettano i delicati e preziosi ecosistemi di acqua dolce. Questo porta ad un uso non sostenibile delle risorse idriche e al degrado degli ecosistemi stessi.

Inoltre, la crescita economica e la ricchezza individuale – soprattuto nei Paesi del Nord del Mondo – stanno spostando le diete da prevalentemente a base di amido a diete più ricche di carne e latticini, che richiedono più acqua. Produrre 1 chilo di riso, per esempio, richiede circa 3.500 litri di acqua, mentre 1 chilo di carne di manzo circa 15.000 litri. Secondo le Nazioni Unite (UnWater), questo cambiamento nelle diete è il più grande impatto sul consumo di acqua negli ultimi 30 anni, ed è destinato a continuare ancora nei prossimi decenni. Tra 15 anni il Pianeta si troverà ad affrontare un calo del 40% della disponibilità d’acqua, a meno che non venga migliorata in modo significativo la gestione di questa risorsa. L’allarme arriva dal rapporto 2015 ‘World Water Development’ dell’Onu. L’acqua è al centro dello sviluppo sostenibile, si legge nel report presentato stamani a Nuova Delhi, in India. Le risorse idriche e i servizi che forniscono sono alla base della crescita economica, della riduzione della povertà e della sostenibilità ambientale.

Se da un lato gli stili di vita e di consumo, uniti ai modelli economici e produttivi dominanti, non sono sostenibili, non dimentichiamo che per una grossa fetta della popolazione mondiale l’accesso all’acqua potabile è un diritto ancora negato: sono circa 748 milioni le persone non hanno accesso a una fonte di acqua potabile e 2,5 miliardi non utilizzano strutture di servizi igienico-sanitari.

 

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie