Comieco e Ponte nelle Alpi, Il comune bellunese sigla accordo per favorire la diffusione di buone pratiche ambientali

Comieco, il Consorzio Nazionale per la raccolta e il riciclo di imballaggi a base cellulosica, e il Comune di Ponte nelle Alpi hanno siglato oggi un accordo per la promozione di nuove attività con l’obiettivo di sensibilizzare i cittadini sui temi della raccolta differenziata e del riciclo di carta e cartone.

Diverse le iniziative previste dall’accordo, della durata di tre anni, tra cui progetti specifici finalizzati ad accrescere e migliorare in quantità e qualità la raccolta di materiali cellulosici. Inoltre, una campagna di comunicazione per sensibilizzare i cittadini sulle potenzialità di riutilizzo di carta e cartone, sviluppata su diversi livelli:  la fornitura di sacchetti di carta per la raccolta dell'”umido” sia per le utenze domestiche che non domestiche; la distribuzione di un’edizione straordinaria dell’Ecocalendario 2015 a tutte le famiglie e aziende locali e, infine, interventi mirati all’educazione ambientale dei più piccoli nelle scuole di Ponte delle Alpi. Verrà avviato anche un servizio di raccolta dedicato degli imballaggi poliaccoppiati a base cellulosica, il tipico cartone per bevande e alimenti, raccolti presso l’ecocentro comunale. Il progetto sperimentale conta sulla collaborazione di Tetra Pak Italiana S.p.a, leader nel confezionamento di alimenti, e  su quella di Cartiere Saci, che ha sviluppato un innovativo sistema di riciclo degli imballaggi cellulosici poliaccoppiati e che si occuperà di garantirne il riciclo.

“Ponte nelle Alpi si conferma una realtà virtuosa nella raccolta differenziata di carta e cartone, con una media pro capite nel 2014 di 53 kg/abitante, registrando un dato in crescita rispetto all’anno precedente del 2% e superiore alla media nazionale pari a 48 kg/abitante.” dichiara Carlo Montalbetti, Direttore Generale di Comieco. “Questa attenzione verso la propria città e le buone abitudini di raccolta si traducono in benefici economici, oltre che ambientali, per l’intera collettività: Comieco ha infatti corrisposto nel 2014, ai Comuni della provincia di Belluno, 346mila euro per la sola raccolta degli imballaggi cellulosici, ottenuti grazie anche al prezioso contributo di Ponte nelle Alpi.” “Tetra Pak è da sempre impegnata nella riduzione degli impatti ambientali del proprio sistema di confezionamento e, grazie al Protocollo d’intesa siglato con Comieco nel luglio 2003, nella promozione della raccolta differenziata e del riciclo dei propri contenitori su tutto il territorio nazionale.” afferma Lorenzo Nannariello, Responsabile Ambiente di Tetra Pak. “Obiettivi importanti sono già stati raggiunti: nel 2014 in Italia sono state avviate a riciclo 22.700 tonnellate, pari ad oltre un miliardo e trecento milioni di confezioni postconsumo.”

Dichiara Ezio Orzes, Assessore all’Ambiente del Comune di Ponte nelle Alpi: “L’accordo con Comieco mira a sviluppare progettualità condivise  con l’obiettivo di puntare al massimo recupero di materia. Abbiamo avuto modo di visitare con i responsabili di Ponte Servizi srl lo stabilimento di Verona delle Cartiere Saci,  dove è stato sviluppato un processo industriale in grado di recuperare completamente la carta dai poliaccoppiati. Questi imballaggi, raccolti separatamente presso l’ecocentro comunale,  saranno inviati a questo impianto che si impegna a certificare la quota di effettivo recupero del materiale. La collaborazione con Comieco, della durata di tre anni, prevede anche una prima sperimentazione per l’utilizzo dei sacchetti in carta per la raccolta dell’organico e una campagna di comunicazione nelle scuole che coinvolgerà gli alunni del locale Istituto Comprensivo.” Molto soddisfatto anche il Sindaco di Ponte nelle Alpi, Paolo Vendramini, che afferma: “Con la firma di questo accordo triennale con Comieco, il Comune di Ponte nelle Alpi sigla un’ altra tappa del processo di miglioramento continuo del sistema di raccolta differenziata. L’amministrazione comunale ringrazia Comieco, che sostiene economicamente queste nuove progettualità, e che proprio qui intende sviluppare avanzati progetti di ricerca coinvolgendo l’intera comunità pontalpina.”

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie