Diabete: nuovo Infusore intelligente per prevenire Ipoglicemia

Novità per i malati di diabete, che a breve anche in Italia potranno usufruire di un nuovo dispositivo la cui caratteristica è quella di interrompere l’erogazione dell’insulina prima di una crisi. Il dispositivo è stato presentato al congresso “Diabete: l’era della tecnologia intelligente” di Roma. Si tratta di un ulteriore progresso che si spera porti alla creazione del “pancreas artificiale” che consentirà ai pazienti diabetici di regolare i livelli del glucosio nel sangue.

Il dispositivo presentato è un microinfusore che contemporaneamente monitora i livelli del glucosio con una pompa che eroga l’insulina. Ciò che lo contraddistingue dagli altri infusori, che bloccano l’infusione quando ormai la glicemia è troppo bassa, questo nuovo infusore ha un algoritmo che riesce a prevedere quando si rischia una crisi, e a far agire la pompa di conseguenza. Come ha spiegato Riccardo Schiaffini, diabetologo pediatra dell’ospedale Bambino Gesù di Roma: “È un sistema molto promettente. Almeno il 50% dei pazienti con diabete di tipo 1 ha una ipoglicemia notturna, e ogni paziente ha almeno una ipoglicemia grave a settimana”. La patologia è diffusa soprattutto tra i soggetti più giovani.

Il nuovo diffusaore, che il Servizio Sanitario Nazionale rimborsa completamente, è destinato soprattutto ai pazienti con diabete di tipo 1, ma potranno usarlo anche quelli con diabete d tipo 2 che non riescono a tenere sotto controllo la glicemia. Emanuele Bosi, direttore del Diabetes Research Institute dell’ospedale San Raffaele di Milano dichiara: “Questo è un deciso passo avanti. Sono ormai dieci anni che si lavora al pancreas artificiale, e quello che una volta sembrava solo un sogno ormai è una realtà in vista. Nonostante gli enormi progressi degli ultimi decenni c’è ancora molto da fare, lo testimonia il fatto che il rischio di mortalità di un ragazzo diabetico è ancora doppio rispetto a quello di uno che non ha il diabete”.

I dati sul diabete parlano chiaro: nel mondo sono oltre 250 milioni i pazienti che soffrono di diabete. I dati dell’Italian Barometer Diabetes Report 2014, dicono che entro il 2030 il diabete passerà dall’undicesima alla settima posizione tra le cause di decesso nel mondo e guadagnerà il quarto posto nei paesi industrializzati. E tornando in Italia sono più di 3 milioni di italiani, cioè il 4,9% della popolazione assistita dal Servizio Sanitario Nazionale, soffre di diabete. Sempre in Italia, il diabete di tipo 1, che di solito si manifesta in età giovanile, colpisce circa 250mila persone, e più di 25mila sono pazienti pediatrici.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie