Mcr: Mutagenetic Chain Reaction, insetti geneticamente modificati per sconfiggere la Malaria

Riuscire a sconfiggere in maniera definitiva la malaria e altre parassitosi nell’arco di pochi anni sarebbe un traguardo davvero importante e grazie alla ricerca ci stiamo arrivando. E’ grazie al lavoro di un team di ricercatori dell’Università della California che è stata messa a punto una nuova tecnica, chiamata Mcr (mutagenetic chain reaction) in grado di modificare geneticamente insetti portatori di malattie in modo che non possano contagiare l’uomo.
Sarà grazie ad alcuni esemplari di zanzare mutanti che sarà possibile diffondere a tutti gli esemplari l’incapacità di diffondere il parassita della malaria, in modo da trasfromare in innocua la specie nel giro di poche generazioni.

La rivista Science riporta tutti i dettagli della ricerca. Il punto di forza di questa tecnica risiede nella sua capacità di trasformare in dominante la mutazione genetica che azzera la possibilità di contagio da parte dell’insetto. Per capirci meglio si dà la possibilità alla copia mutante di un gene di “passare” prima e trasformare poi in mutante anche l’altra copia del gene, così la mutazione non è più recessiva e si propaga facilmente in tutta la popolazione.

I ricercatori hanno fatto esperimenti sui moscerini della frutta, evidenziando come la propagazione di una mutazione Mcr sia molto efficace, con una percentuale di “conversione genica” del 97%. Ciò avviene perché negli organismi con due serie di cromosomi si trovano due copie dello stesso gene, che possono portare o meno alla manifestazione di una determinata caratteristica. In questo modo, nel giro di qualche generazione, i parassiti potranno diventare del tutto innocui per la salute di piante, uomini e altri animali.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie