Proprietà ed usi dell’Acqua Micellare

Per struccarmi io uso da diverso tempo l’acqua micellare, che, nonostante sia sul mercato da anni, è un prodotto non ancora molto diffuso e conosciuto. E’ però un prodotto davvero ottimo per il viso e i risultati si vedono davvero. Merita quindi parlarne e diffondere la sua conoscenza.

Nonostante sia nata verso la fine degli anni 80, l’acqua micellare è arrivata in commercio piuttosto di recente, perchè inizialmente era usata nel settore del trucco professionale, una nicchia piuttosto esclusiva. Questo vi fa capire che per un certo periodo anche il suo prezzo era poco accessibile. Le aziende cosmetiche però ne hanno intuito le potenzialità e quindi hanno iniziato a produrne una versione adatta all’uso quotidiano, con un prezzo decisamente più appetibile. Oggi se ne trovano davvero svariate tipologie, adatte a tutti i tipi di pelle e anche a tutti i portafogli.

Ma cosè l’acqua micellare? E’ un prodotto di bellezza che svolge le funzioni di struccante e tonico insieme. Con pochissimi gesti si svolgono due importanti funzioni: struccare e detergere il viso, con il vantaggio di risparmiare tempo e non appesantire la pelle con troppi trattamenti.

Si chiama così perchè nella sua composizione ci sono le micelle, microsfere di tensioattivi che, aggiunte all’acqua termale, compongono appunto l’acqua micellare. In base alle diverse formulazioni che possono trovarsi al suo interno, in aggiunta a questi due elementi, possono trovarsi altri principi attivi, come idratanti, lenitivi, oligo-elementi, estratti naturali di piante e minerali.

La funzione principe è quella di detergere e pulire la pelle in profondità, e questo grazie alle micelle che catturano le impurità ed i residui di trucco, lasciando la pelle pulita ed idratata. Proprio perchè pensata per il mondo della moda, l’acqua micellare ha un notevole potere struccante anche sui cosmetici resistenti all’acqua. Le sue funzioni sono diverse a seconda delle formulazioni che si trovano in commercio.

Non è vero che l’acqua micellare può essere usata solo dalle persone che usano molto trucco, anzi è adattissima anche a chi si trucca poco o niente come me. Infatti la sua funzione depurativa permette di mantenere la pelle pulita ed idratata anche nell’igiene quotidiana.

Altro vantaggio è la sua facilità di utilizzo, perchè basta munirsi di dischetti di cotone e procedere come per una normale e classica rimozione del trucco. Se si usa l’acqua micellare solo come detergente, e non si è truccate, è sufficiente passare un solo dischetto per la pulizia di tutto il viso. Se invece si deve togliere il trucco è sempre meglio cambiare dischetto per ogni zona del volto: occhi, bocca, lato destro e lato sinistro del viso. Per detergere bene gli occhi basterà lasciare i dischetti imbevuti di acqua micellare sugli occhi qualche secondo sulle palpebre, così da eliminare ogni traccia di trucco, anche se waterproof.

Solitamente nelle modalità d’uso riportate sulla confezione c’è scritto che non necessita di risciacquo, ma anche se si tratta di un prodotto che va a sostituire anche il tonico, può lasciare una leggera patina sulla pelle. Per questo motivo la maggior parte delle donne che usa l’acqua micellare preferisce passare un dischetto imbevuto di acqua termale sul viso dopo la pulizia.
Sciacquare con l’acqua del rubinetto non è indicato in quanto il calcare al suo interno può appesantire nuovamente la pelle, vanificando di fatto l’effetto benefico dell’acqua micellare.

Si trovano diversi tipi di acqua micellare in commercio, anche se la base è diciamo uguale per tutte. La differenza sta negli ingredienti aggiunti per le diverse tipologie di pelle e per le diverse funzioni extra di ciascuna acqua micellare. Ve ne sono di specifiche per pelli grasse, per pelli delicate, lenitive per le pelli arrossate ed irritate. Ne esistono anche versioni bio e senza parabeni e, per le più difficili, è anche possibile realizzarne una versione “fatta in casa” con acqua di rose, aloe, e shampoo delicato.
Scegliere la migliore formulazione di acqua micellare per la propria pelle è quindi relativamente semplice, ma per le prime volte forse è meglio chiedere consiglio al rivenditore o al proprio dermatologo.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie