Sovrappeso e obesità infantile, leggero calo tra i bambini di 8-9 anni

Obesità infantile in leggero calo tra i bambini di otto nove anni, anche se rimane ancora su livelli preoccupanti. E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base dei dati nel periodo dal 2008 che segna l’inizio della crisi al -2014 dell’indagine “Okkio alla Salute” promossa dal ministero della Salute.

I bambini in sovrappeso sono infatti il 20,9% mentre quelli obesi sono il 9,8 % sulla base di un campione – sottolinea la Coldiretti – di età compresa 8-9 anni nelle scuole primarie. Le prevalenze più alte si registrano nelle Regioni del Sud e del Centro ma in generale – precisa la Coldiretti – si tratta di livelli elevati che pongono l’Italia ai primi posti in Europa. Si tratta del risultato di cattive abitudini con l’8% dei bambini che salta la prima colazione e il 31% che la fa non adeguata, ma anche con il 41% che assume abitualmente bevande zuccherate e gassate mentre – continua la Coldiretti – solo il 25% dei genitori dichiara che i propri figli non consumano quotidianamente frutta e verdura (erano il 23 per cento nel 2008).

Il fondamentale ruolo genitoriale nell’educazione alimentare. Il picco di obesità si registra in Campania e nelle regioni del sud, dove le percentuali di minori con questi disturbi arrivano al 15,2%. Al centro Italia sono invece il 9,3% e al nord l’8,2%. E le cause scatenanti sarebbero da attribuire alle condizioni socio-economiche, familiari e allo stile di vita del bambino. Solo il 44,7% dei genitori ad esempio conosce le regole della sana alimentazione. A dimostrarlo sono i dati che seguono: il 37% delle madri di figli in sovrappeso non ritiene “eccessiva” la dose di cibo datagli e solo il 29% afferma il contrario; a sottolineare l’importanza del ruolo genitoriale nell’educazione alimentare dei più piccoli lo stabiliscono inoltre altri elementi: solo 4 mamme su 10 ad esempio pensano che l’attività motoria dei propri figli sia insufficiente. Un bambino su 10 poi salta il pasto più importante della giornata, la prima colazione; 2 su 3 fanno un merenda troppo abbondante, il 22% non mangia quotidianamente frutta e verdura e 4 bimbi su 10 bevono ogni giorno bevande gassate e zuccherate.

Fermare la vendita del cibo spazzatura nelle scuole a favore di alimenti locali, freschi e sani come spremute, frutta e verdura di stagione, anche da sgranocchiare e in grado di assicurare senso di sazietà e garantire un adeguato apporto idrico, può contribuire – sostiene la Coldiretti – a sconfiggere i problemi di eccesso di peso e obesità. La Coldiretti è impegnata nel progetto “Educazione alla Campagna Amica” che coinvolge oltre centomila alunni delle scuole elementari e medie in tutta Italia che partecipano ad oltre tremila lezioni in programma nelle fattorie didattiche e agli oltre cinquemila laboratori del gusto organizzati nelle aziende agricole e in classe. L’obiettivo – conclude la Coldiretti – è quello di formare dei consumatori consapevoli sui principi della sana alimentazione e della stagionalità dei prodotti per valorizzare i fondamenti della dieta mediterranea e ricostruire il legame che unisce i prodotti dell’ agricoltura con i cibi consumati ogni giorno.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie