Testato il Vaccino contro lo Staphylococcus Aureus

E’ stato sperimentato con successo sui topi il primo supervaccino contro un odei più temuti batteri esistenti: lo Staphylococcus aureus, colpevole di molte gravi infezioni, anche mortali e di gravi forma di polmonite. Il vaccino è stato messo a punto da un italiano, Rino Rappuoli, uno dei migliori pionieri a livello internazionale per laricerca sui vaccini di nuova generazione. La descrizione del vaccino è stata pubblicata sulla rivista dell’Accademia delle Scienze degli Stati Uniti (Pnas). la ricerca è stata condotta in Italia, a Siena, presso l’azienda farmaceutica Novartis in collaborazione con l’Università americana di Chicago.

Questo batterio ha una grande capacità di resistenza agli antibiotici, ma le gravi conseguenze delle infezioni che provoca rendono urgente lo sviluppo di un vaccino. Ma fino ad ora il batterio ha dimostrato una strordinaria capacità di sfuggire a qualunque tipo di attacco da parte del sistema immunitario, ostacolando di fatto i tentatifi fatti di realizzare un vaccino efficace.

Grazie all’impegno dei ricercatori si è riusciti a trovare la strada giusta: attraverso l’uso di un cocktail di elementi che il sistema immunitario riconosce come nemici, ossia degli antigeni: sono cinque, indicati con le sigle FhuD2, Csa1A, Hla, EsxA, e EsxB. Oltre ad essi, il vaccino contiene una sostanza che potenzia l’azione dei super cinque (adiuvante). I topi che hanno ricevuto questo vaccino esposti a diversi ceppi del superbatterio hanno mostrato una buona resistenza, migliore rispetto a quella dei topi che avevano ricevuto il vaccino basato su un solo antigene.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie