Barriere coralline a rishio estinzione, colpa delle creme solari che contengono il BP-3

Che le barriere coralline fossero a rischio di estinzione si sapeva. Quello che però ci svela uno studio del laboratorio ambientale Haereticus della Virginia, pubblicato sulla rivista “Archives of Enviromental Contamination & Toxicology” è il fatto che questo rischio derivi in gran parte dalle comuni creme solari. Ciò che protegge la nostra pelle distrugge l’ambiente. In particolare, dannoso per le barriere coralline sarebbe l’oxybenzone, indicato tra i componenti come BP-3 e contenuto in moltissimi prodotti solari.

Tale elemento, anche in piccole quantità, provoca lo sbiancamento dei coralli, fino a causarne la morte, nel peggiore dei casi. L’oxybenzone è particolarmente dannoso per i coralli appena nati, infatti ne altera il Dna e ne distrugge il sistema endocrinologico. Inoltre, interferisce con gli ormoni, provocando delle deformazioni, che ne causano l’intrappolamento all’interno dell’esoscheletro.

A capo dello studio il biologo Craig Down, che ha sollecitato ad evitare di utilizzare prodotti contenenti oxybenzone soprattutto nelle zone interessate. Secondo il suo studio, infatti, solo nella regione dei Caraibi già l’80% delle barriere coralline sarebbe stato distrutto proprio ad opera delle creme solari. Nelle barriere coralline finiscono tra le 6.000 e le 14.000 tonnellate di creme solari e si stima che più di 3.500 aziende, producano creme che contengono l’oxybenzone usato come filtro UV. Questo quantitativo, secondo lo studio, pone  a rischio almeno il 10% delle barriere coralline del mondo. Ovviamente lo studio ha rilevato una concentrazione maggiore della sostanza incriminata nelle zone più affollate dai turisti, come i già citati Caraibi e le Hawaii.

Questo studio apre una nuova pagina nel turismo responsabile: un gesto considerato innocuo come spalmarsi la crema solare, diventa altamente dannoso per l’ambiente. La protezione solare non è più indispensabile prodotto da portare con se in ogni vacanza al mare dunque, ma un vero e proprio sterminatore di un patrimonio di biodiversità inestimabile, quale quello che racchiudono le barriere coralline, già profondamente danneggiate dal riscaldamento globale e dalla pesca eccessiva.

La barriera corallina minacciata dalle creme solari

Condividi questo articolo: 


 

Altre Notizie