OMS: Coldiretti, caffè dopo carne, per allarmismi persi 12 mld in 15 anni

Dopo la carne tocca al caffè, ma gli allarmi veri e presunti a tavola sono costati al Made in Italy quasi 12 miliardi di euro negli ultimi 15 anni soprattutto per effetto del taglio degli acquisti provocato da psicosi ingiustificate. E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti nel sottolineare che, ad oggi, secondo l’indagine on line, solo l’11 per cento ha contenuto il proprio consumo di carne e insaccati dopo le notizie diffuse con la pubblicazione del rapporto Oms, mentre è ancora presto per valutare gli effetti dell’annuncio degli studi sul caffè.

Per il Ministro Beatrice Lorenzin “dall’OMS e’ stato fatto allarmismo ed in modo ingiustificato”. ”Abbiamo chiesto di avere lo studio completo – ha dichiarato – e ci e’ stato risposto che non e’ pronto”. Lo studio dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) sul rischio di cancerogenesi legato alla carne rossa e lavorata, ha spiegato il Ministro a margine della celebrazione al Quirinale del 50/mo anniversario dell’Associazione italiana per la ricerca sul cancro (Airc), ”noi non lo abbiamo. Ne abbiamo vista una sintesi sulla rivista Lancet. Abbiamo chiesto di avere il testo completo, ma ci dicono che lo studio non sarà pronto prima della metà del 2016. Intanto però – ha affermato – allarmismo è stato fatto, ed in modo ingiustificato”.

”Naturalmente – ha sottolineato il ministro – dobbiamo dare autorevolezza alle istituzioni scientifiche mondiali. Il punto è che è stato presentato un sunto su una rivista scientifica a cui è stato dato una rilevanza mondiale, senza però avere noi il testo completo della ricerca. Questo studio ci verrà consegnato nella seconda metà del 2016”. Quindi, ha concluso, ”non creiamo allarmismi che non ci sono e affidiamoci alla Dieta Mediterranea”.

L’inizio del secolo – riferisce la Coldiretti – è stato segnato dall’emergenza mucca pazza del 2001 che è quella che ha pesato di più sulla filiera alimentare, seguita dal 2003 dall’allarme aviaria che si è riproposta anche nel 2005. Sono state stimate dalla Coldiretti pari a 2 miliardi le perdite subite dal sistema della produzione, trasformazione e commercio della carne subite solo a seguito dell’emergenza mucca pazza nel 2001 principalmente per il crollo dei consumi che si sono quasi dimezzati nel momento piu’ acuto della crisi per poi riprendersi molto lentamente nonostante le misure di prevenzione adottate. In questa direzione particolarmente efficace – sostiene la Coldiretti – si è dimostrata l’introduzione dell’obbligo di indicare in etichetta la provenienza della carne bovina in vendita.

Una misura che è stata introdotta in Italia con successo anche per la carne di pollo (2005), in occasione dell’emergenza influenza aviaria dopo un calo dei consumi che ha superato il 60 per cento nella fase piu’ critica e danni valutabili complessivamente in quasi un miliardo di euro secondo la Coldiretti. Nel 2008 è stata invece la volta della carne alla diossina, a seguito della contaminazione nei mangimi, e del latte alla melamina in Cina. Due anni più tardi (2010) – conclude la Coldiretti – è arrivata la mozzarella blu a spaventare i consumatori mentre nell’estate del 2011 è comparso il batterio killer, che fece salire ingiustamente i cetrioli sul banco degli imputati e poi nel 2013 è stata la volta delle polpette di carne di cavallo spacciata per manzo.

Condividi questo articolo: 


 

Altre Notizie