Contro l’abuso antibiotici arriva il cerotto intelligente, si illumina se c’è infezione

Un cerotto intelligente che cambia colore in presenza di un’infezione potrebbe ridurre l’utilizzo non necessario di antibiotici. A svilupparlo e’ stato un gruppo di ricercatori della Bath University, nel Regno Unito. Secondo quanto riportato dalla BBC, questo cerotto “intelligente” contiene piccole capsule che rilasciano del colorante fluorescente quando rileva tossine provenienti da batteri all’interno di una ferita. Questo consentirebbe ai medici di identificare le infezioni batteriche ed, eventualmente, di trattarle in modo piu’ appropriato e rapido, in particolare in presenza di ustioni nei bambini.

Uno strumento, questo, che potrebbe salvare vite umane. I bambini con ustioni, infatti, sono particolarmente suscettibili a infezioni batteriche a causa del loro sistema immunitario immaturo. Queste infezioni possono rallentare la guarigione delle ferite, causando ricoveri piu’ lunghi e cicatrici permanenti. Nei casi piu’ gravi le infezioni possono uccidere. I medici, dal canto loro, hanno difficolta’ a diagnosticare in modo rapido e semplice le infezioni senza rimuovere la medicazione, che puo’ essere un’operazione dolorosa, A causa di questo, spesso vengono prescritti antibiotici prima che arrivi la conferma della presenza di un’infezione.

Tuttavia, il trattamento con antibiotici in assenza di infezioni puo’ portare allo sviluppo di batteri resistenti. E la resistenza agli antibiotici e’ un problema di salute globale. Per questo il nuovo cerotto “potrebbe davvero contribuire a salvare vite umane”, ha detto Toby Jenkins, capofila del progetto. Ora i ricercatori hanno ricevuto 1 milione di sterline dal Medical Research Council con lo scopo di testare la capacita’ di risposta del prototipo di questo cerotto su campioni prelevati dalle ferite di ustionati.

Condividi questo articolo: 


 

Altre Notizie