Le zucche di Halloween inquinano l’ambiente, presto saranno trasformate in biocarburante

La zucca è il simbolo per eccellenza della festa di Halloween. La zucca viene svuotata, intagliata per dargli un’espressione mostruosa e al suo interno viene messa una candela per poterla illuminare e metterla sul balcone la notte di Halloween. Negli Stati Uniti per le decorazioni di Halloween, migliaia di tonnellate di zucche usate che finiscono nella spazzatua, contribuendo all’inquinamento. Ma la musica sta per cambiare. In occasione della festa imminente, il dipartimento Usa dell’Energia ha infatti annunciato la partnership con alcune bioraffinerie per convertire i rifiuti in energia.

Le zucche di Halloween vanno ad alimentare i 254 milioni di tonnellate di rifiuti solidi urbani prodotti ogni anno dagli statunitensi. Nelle discariche, evidenzia il dipartimento, questi rifiuti si decompongono trasformandosi in metano, un gas serra nocivo che contribuisce al cambiamento climatico avendo un effetto di riscaldamento venti volte superiore a quello della CO2.

I rifiuti, tuttavia, possono essere trasformati in energia, riducendo la dipendenza dal carbone. Il dipartimento ha selezionato tre compagnie da finanziare per progetti di bioraffinerie che creeranno biocarburanti a uso militare. Due di queste, di Fulcrum Bioenergy ed Emerald Biofuels, una volta a regime produrranno 350 milioni di litri di biocarburanti all’anno. “Non ci vorrà molto – conclude il dipartimento Usa – perché le 590mila tonnellate di zucche prodotte annualmente diventino importanti per la sicurezza energetica come lo sono per Halloween”.

Condividi questo articolo: 


 

Altre Notizie