Polveri sottili: Legambiente, Roma è aggredita da traffico e smog

Roma maglia nera per le polveri sottili. Le centraline di Arpa Lazio hanno registrato una concentrazione di Pm10 – particolato presente nell’atmosfera, altamente nocivo – nettamente superiore rispetto ai numeri limite raggiunti negli ultimi tre anni. I dati analizzati da Legambiente Lazio sono allarmanti. Al 13 novembre, a Cinecittà, sono stati rilevati 27 superamenti di Pm10 a partire dall’inizio dell’anno. Visibilmente inferiori, invece, i valori nei due anni precedenti. Ancora secondo Legambiente Lazio, nello stesso momento dell’anno nel 2014 il superamento sarebbe stato di 23 giorni a Cinecittà, nel 2013 di 22 a Corso Francia; sia nel 2014 che nel 2013 a fine anno sono poi stati superati i 35 giorni massimi di superamento con 41 giorni nel 2013 a Corso Francia e via Tiburtina mentre nel 2014 lo sforamento è stato di 43 giorni a via Tiburtina.

“Roma è aggredita da traffico e smog, lo dimostra la quantità di polveri sottili nell’aria – dichiara Roberto Scacchi presidente di Legambiente Lazio – considerato che questo è il peggiore degli ultimi tre anni per numeri di superamenti a metà novembre. Bentornata quindi alla domenica ecologica, evidentemente necessaria e da riempire di animazione e iniziative in tutta la città. Sono importanti anche i blocchi del traffico dei giorni scorsi e le targhe alterne previste, considerando che da quasi una settimana le polveri sono fuori controllo, tutti provvedimenti da realizzare in maniera corretta”. “Secondo il dossier – si legge nel comunicato – di Legambiente dal 9 al 13 novembre, per 5 giorni di seguito ci sono stati superamenti dei valori massimi di PM10 (limite consentito 50 ug/m3) con un picco di 67 ug/m3 nella centralina di Cinecittà l’11 novembre”.

“Oltre a rispettare il Piano Regionale di Risanamento dell’Aria che prevede blocchi alle auto inquinanti, targhe alterne e calendarizzazione di almeno quattro domeniche ecologiche, vanno messe in campo politiche volte alla riduzione del traffico privato e alla valorizzazione e al miglioramento del trasporto pubblico e della mobilità nuova – conclude Scacchi – in una città attanagliata dallo smog servono isole pedonali, ampliamento delle zone ZTL, liberazione del centro storico dalle automobili e bisogna iniziare proprio da Via dei Fori, completandone la pedonalizzazione così come in tutte le strade intorno al Colosseo, per liberare il più importante
monumento italiano dal triste ruolo di spartitraffico a cui è stato relegato per troppi decenni; un provvedimento che restituirebbe bellezza a Roma e parlerebbe al mondo intero”.

Per la prima domenica ecologica torna, inoltre, in via dei Fori Imperiali l’animazione di Legambiente Lazio. Nello stand del cigno verde, infatti, oltre al consueto noleggio di bibi elettriche – in collaborazione con Elebike – è possibile trovare divertenti giochi per bambini.

Condividi questo articolo: 


 

Altre Notizie