Premio Sviluppo Sostenibile: Ambiente S.p.A. tra le imprese più innovative della green economy

E’ stata Green House, l’isola ecologica mobile automatizzata lanciata dall’Ambiente S.p.A. a far selezionare l’azienda campana tra le trenta eccellenze italiane, che saranno premiate dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile il 5 novembre a Rimini a Ecomondo, il grande salone dedicato alla green economy e all´economia circolare apertosi oggi e a cui nei giorni di fiera sono attesi oltre 100.000 operatori da tutto il mondo.

Giunto alla settima edizione il Premio Sviluppo Sostenibile è un podio d’eccezione per le aziende del “Green Made in Italy” che si sono distinte per attività e progetti che producano rilevanti benefici ambientali, abbiano contenuto innovativo, positivi effetti economici e occupazionali e concreto potenziale di diffusione. E proprio tutelare l’ambiente, impegnandosi concretamente per migliorare le condizioni di vita di ogni cittadino della Campania, è la mission di Ambiente S.p.A., azienda leader nel recupero di materia prima derivante dalla raccolta differenziata che fa parte del Gruppo Bruscino. L’azienda, che ha sede a San Vitaliano in provincia di Napoli, ha festeggiato quest’anno i 25 anni di attività nel mondo della green economy.

Il riconoscimento della Fondazione guidata da Edo Ronchi, che ha anche l’adesione del Presidente Repubblica Sergio Mattarella, segue un altro importante risultato: l’ottenimento del rating di legalità dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato.

Il rating di legalità è un nuovo strumento introdotto nel 2012 per le imprese italiane, volto alla promozione e all’introduzione di principi di comportamento etico in ambito aziendale, tramite l’assegnazione di un “riconoscimento” del rispetto della legalità da parte delle imprese che ne abbiano fatto richiesta e, più in generale, del grado di attenzione riposto nella corretta gestione del proprio business.

“Le imprese che hanno puntato sulla qualità ambientale –ha dichiarato il Presidente della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile Edo Ronchi- continuano a crescere e sono quelle che hanno reagito meglio alla crisi, avendo migliori aspettative economiche: e oggi in Italia quasi una impresa su 2, il 42% ha un indirizzo green. Il Premio, diventato ormai un appuntamento tradizionale, si propone proprio di promuovere e far conoscere le buone pratiche e le tecnologie di successo di queste imprese italiane della “green economy” .

“La Ambiente S.p.A. – dichiara l’amministratore unico della holding di cui fa parte Ambiente Srl Angelo Bruscino- è uno dei fiori all’occhiello del nostro gruppo ed in questi venticinque anni è diventata un modello per gli esperti del settore, grazie alle nuove tecnologie ed ai continui investimenti, realizzati tanto sull’automazione dei processi quanto nello sviluppo di nuove e moderne tecnologie utili a migliorare i sistemi di recupero della raccolta differenziata, come la nostra isola ecologica mobile “Green House”, che riceverà il prossimo 5 novembre l’ambito riconoscimento proprio nella sede della maggiore fiera nazionale di settore Ecomondo.

La nostra società si è evoluta, rapidamente, dai suoi albori, diventando vera e propria industria del recupero dei materiali derivanti dalla raccolta differenziata. Grazie al contributo dei soci fondatori mio padre Pasquale e mio zio Santo abbiamo, nel 1998, osservato il futuro e deciso che quella doveva essere la nostra meta, il nostro traguardo e abbiamo pensato di tradurre i termini dell’innovazione in Campania, terra non sempre semplice, dove abbiamo portato il significato più profondo della “Green Economy”. L’abbiamo presentata e fatta conoscere quale educazione e cultura del riciclo ai circa settantacinquemila visitatori, soprattutto studenti e bambini, che sono venuti a trovarci durante questi anni.

Nel corso degli anni con mio fratello Mario, impegnato come direttore generale dello stabilimento, abbiamo rinnovato il nostro servizio e con la nostra piattaforma aiutiamo ogni giorno un milione e mezzo di cittadini a fare non solo la raccolta differenziata, ma la differenza tra un passato non sempre luminoso ed il presente, dove molti Comuni nostri Clienti sono tra i migliori in Italia per percentuali di recupero e raccolta. Abbiamo fatto “Impresa” nel senso più alto del termine, cioè creando e distribuendo benessere sociale e di questo, siamo profondamente orgogliosi.”

“L’impegno della società – ribadisce l’amministratore unico della Ambiente Bruno Rossi- si focalizza in una costruzione per gradi un modello del fare, nel quale lo sviluppo e la diffusione di conoscenza sono focus fondamentale della nostra realtà che utilizza la diffusione di buone pratiche per far crescere il livello complessivo di qualità e produttività dell’impresa e della collettività in generale.
La convinzione che nella società della conoscenza siano decisivi gli elementi della cultura imprenditoriale, i processi della gestione, le politiche aziendali, i modelli organizzativi e i sistemi informativi accompagnano la nostra evoluzione verso quella gestione “socialmente responsabile” capace di interpretare l’impresa come benessere collettivo.

L’azienda- continua Rossi- affonda le radici in una storia familiare, che è esempio concreto della capacità italiana di fare impresa. Fondata nel 1990 ha sempre garantito, ai propri partner e ai cittadini del territorio in cui opera, un servizio di eccellenza.
La sfida dell’Ambiente S.p.A. è quella di promuovere un modo diverso di pensare i rifiuti: essi non sono più una materia pericolosa di cui disfarsi ad ogni costo, ma una preziosa risorsa da riutilizzare nel migliore dei modi.”

Condividi questo articolo: 


 

Altre Notizie