Smartphone la “modalità letto’ contro i disturbi del sonno

L’abitudine di avere con sé a letto, tablet  iPad e smartphone pregiudica la qualità del sonno, dovrebbero avere una ‘modalità letto’, in grado di far diminuire automaticamente la luminosità dello schermo quando si avvicina il momento di addormentarsi. Questa la conclusione a cui arrivano gli esperti in uno studio inglese, guidato da Paul Gringras, dell’Evelina Children’s Hospital di Londra, che spiega come il problema stia peggiorando.

La ricerca punta l’attenzione in particolare su devices abbastanza nuovi (tra questi IPad Air, IPhone 5s e Kindle Paperweight 1st generation), dotati di schermi sempre più blu e luminosi, che impattano sulla capacità del corpo di produrre ormoni che conciliano il sonno, come ad esempio la melatonina, che favorisce un addormentamento più rapido, aumentando il senso di allerta. “L’hardware dovrebbe cambiare da emissioni di luci blu e verdi a gialle e rosse e si dovrebbe ridurre la retroilluminazione e l’intensità della luce” spiega Gringras, esperto di medicina del sonno. Per arrivare a questa conclusione sono state ‘testate’ due strategie, che si sono rilevate entrambe efficaci nel ridurre le emissioni come si evidenzia nello studio, pubblicato su Frontiers in Public Health: la prima ha previsto l’utilizzo di speciali occhiali arancioni, disponibili in commercio, che ‘bloccano’ gli effetti negativi della luce blu, la seconda un’app appositamente disegnata per essere ‘consapevoli del sonno’, pensata per ridurre al momento dell’addormentamento la luminosità a corto raggio.

Esistono delle applicazioni che ci possono aiutare. Ad esempio, per iPad e iPhone, c’è Oyster che, attivando la modalità Lumin, sostituisce la luce blu sullo schermo con una luce ambrata, anche in modo automatico,  regolando il colore della retroilluminazione e del background in modo che lo schermo inizia bianco durante il giorno e vira al giallo e all’arancione come il pomeriggio si trasforma in notte.

Per Android, con una rapida ricerca su Google Play Store, potrete trovare svariate applicazioni che consentono di regolare il colore dello schermo e filtrare la luce blu riducendola o addirittura bloccandola, come ad esempio Bluelight Filter – Eye Care o Luce Blu Ripararsi o Filtro Luce Blu solo per citarne alcune. Inoltre, per evitare problemi di insonnia e godere di un sonno ristoratore, gli esperti suggeriscono di far trascorrere non meno di mezz’ora tra il momento in cui si spengono i dispositivi tecnologici e quello in cui si va a letto.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie