Allarme smog: una soluzione concreta c’è la pittura eco di Airlite

Emergenza inquinamento e dati allarmanti sulla qualità dell’aria che respiriamo nelle città del Bel Paese sono temi all’ordine del giorno: mentre lo smog, le sostanze tossiche e le polveri sottili superano gli standard acconsentiti per legge e sono in crescita, le prospettive di buona salute sono deludenti e diminuiscono drasticamente se consideriamo anche le statistiche che dimostrano la relazione tra qualità dell’aria e qualità della vita. Una tecnologia racchiusa in una pittura,  potrebbe eliminare in sole 12 ore l’inquinamento di 92 autovetture con motore a benzina e di 72 autovetture a gasolio con motore euro 6.

La nuova tecnologia si chiama Airlite e rappresenta una soluzione 100% naturale facile ed efficace, non solo perchè promuove un cambiamento radicale, non è una pittura, è una tecnologia unica, ma porta con se anche esperienza sul campo e dati di laboratorio straordinari: Airlite ha lo stesso potere disinquinate degli alberi. 100 mq di Airlite hanno lo stesso effetto di 100 mq di bosco. Una macchina a benzina Euro 6 (quelle più ecologiche) emette ogni chilometro 0,06 grammi di ossidi di azoto. Gli ossidi di azoto sono un inquinante molto pericoloso, sia di per sè, sia perché sono responsabili della formazioni delle polveri sottili e dell’ozono. Un metro quadrato dipinto con Airlite è in grado di neutralizzare in 12 ore 0,059 grammi di ossidi di azoto. Questo vuol dire che se dipingiamo con Airlite una superficie pari a quella di un campo da calcio (7200 metri quadrati) e se contiamo che in media, al giorno, una vettura percorre, all’interno di una grande città circa 12 km, abbiamo che ogni giorno possiamo bilanciare le emersioni effettuata da 950 automobili.

Ma di cosa si tratta? Le normali pitture sono resinose, a base di petrolio, che è materia organica, in alcuni casi potenzialmente dannose per la salute. Airlite è invece priva di derivati dal petrolio, e si presenta come una polvere, cui va aggiunta l’acqua per ottenere subito una pittura facile da applicare e di bell’aspetto. Il suo effetto viene attivato dalla luce, secondo un processo simile alla fotosintesi clorofilliana delle piante: “Airlite utilizza l’energia della luce per produrre una ionizzazione dell’aria vicino alla superficie – afferma Antonio Cianci, Kauffman Fellow e co-fondatore della società – rendendo possibile, al contatto dell’aria inquinata con la superficie, la trasformazione degli inquinanti pericolosi per la salute, tra cui l’ossido di azoto, in sali minerali idrosolubili, gli stessi che si trovano nell’acqua minerale, che sono assolutamente innocui. Questa tecnologia si applica anche all’interno di uffici e abitazioni, dove permette di ridurre l’inquinamento allo stesso, efficace, modo”.

Condividi questo articolo: 


AH, LEGGI ANCHE QUESTI !



 

Altre Notizie