Allarme Oceani, entro il 2050 più bottiglie di plastica che pesci

Uno studio dell’Imperial College di Londra ha inoltre stimato che entro il 2050 gli oceani conteranno più bottiglie di plastica che pesci e il 99% degli uccelli marini potrebbe avere dentro di sé residui di plastica.

Secondo i ricercatori la pulizia degli oceani dalla plastica deve iniziare dalle coste e non dalle “isole” di immondizia come la “Great Pacific garbage patch”, la mega-area di spazzatura nel Pacifico, una delle cinque maggiori al mondo. A suggerirlo è uno studio dell’Imperial College di Londra, pubblicato sulla rivista Environmental Research Letters, secondo il quale progetti come quello dello “spazzino dei mari” del giovane olandese Boyan Slat non sono il metodo più efficiente per ripulire le acque da microplastiche ed evitare di danneggiare gli ecosistemi marini.

I ricercatori britannici hanno utilizzato un modello sugli spostamenti della plastica nell’oceano per determinare quali siano le aree migliori per dispiegare “collettori” per le microplastiche simili a quelli concepiti dal progetto “Ocean Cleanup”: barriere galleggianti che convogliano la plastica e la rimuovono. Secondo gli scienziati di Londra se simili sistemi fossero posti lungo le coste porterebbero più benefici. In particolare in un progetto di lungo termine, di 10 anni, se queste barriere fossero poste lungo le coste di isole cinesi e indonesiane rimuoverebbero il 31% delle microplastiche che stanno soffocando l’oceano. I collettori solo a ridosso dell’isola di spazzatura rimuoverebbero solo il 17% di plastica.

“La Great Pacific garage patch ha un’enorme massa di microplastiche”, spiega Peter Sherman dell’Imperial College di Londra, “ma la maggior parte di plastica si trova lungo le coste, dove entra nell’oceano”. Ecco perché, aggiunge il dottor Erik van Sebille, ha più senso rimuovere le plastiche “lungo coste densamente popolate e sfruttate economicamente”, prima “che abbiano la possibilità di danneggiare” gli ecosistemi. Le plastiche che si trovano nelle “isole” di spazzatura, sottolinea, “hanno percorso un lungo tragitto e potenzialmente hanno già fatto molti danni”.

I Paesi di tutto il mondo, sottolineano i ricercatori, devono ridurre gli sprechi fin da adesso, gestendo meglio i rifiuti e riciclando maggiormente la plastica, al fine di evitare che tra 10 anni ne finiscano in mare 155 milioni di tonnellate. Per avere un’idea delle dimensioni del fenomeno, basti pensare che nel 2013 la produzione mondiale di resina plastica alla base di involucri, bottiglie e sacchetti ha raggiunto 299 milioni di tonnellate: un aumento del 647% rispetto al 1975.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie