Capodanno, i consigli degli esperti per depurare fegato e intestino

Dopo le abbuffate di Natale e Capodanno, la parola d’ordine è disintossicazione. Pranzi e abbuffate natalizie non si traducono solo in chili di troppo, infatti, ma anche in senso di pesantezza, pancia gonfia e intestino irritato, aumento di colesterolo e affaticamento del fegato. E’ bene quindi iniziare l’anno con una dieta e un periodo di depurazione dalle tante tossine accumulate,spiega Giovanna Cecchetto, dell’Associazione Nazionale Dietisti (Andid). Tuttavia “integratori e tisane non servono senza una buona dieta a base di frutta, verdure e cibi poco conditi, possibilmente accompagnata dalla giusta attività fisica”.

“L’eccesso di un’alimentazione particolarmente grassa, e a Natale non si tratta solo di un giorno ma di un periodo prolungato – sottolinea Cecchetto – provoca aumento di colesterolo e trigliceridi e affatica in particolare il fegato. I troppi condimenti e l’alcol comportano un sovraccarico digestivo che irrita le mucose e nuoce sia allo stomaco che all’intestino. Per riabilitarlo, non serve il digiuno ma un periodo di disintossicazione, con molta acqua e condimenti semplici, a base di olio di oliva a crudo”. Inoltre, evitare di mangiare le banane che sono troppo caloriche per il regime alimentare di una dieta disintossicante.

Fondamentale “ridurre al massimo grassi, zuccheri semplici e bevande alcoliche, ma anche introdurre più cereali integrali e fonti proteiche vegetali come i legumi al posto di carne o formaggi”. Via libera, infine, alle verdure  crude, bollite o cotte al vapore, non ripassate nell’olio.

Anche le tisane, aiutano a eliminare il noiosissimo senso di gonfiore: ottimi sono gli infusi di tarassaco per disintossicare il fegato, finocchio sgonfia la pancia, melissa e tiglio conciliano il sonno.

Condividi questo articolo: 

AH, LEGGI ANCHE QUESTI !



 

Altre Notizie