Ecco le diete più efficaci a confronto: al top la dieta Dash, combatte l’ipertensione

Abbassa la pressione sanguigna, il colesterolo ed è associata ad un minor rischio di diversi tipi di cancro, malattie cardiache e rischio ictus, calcoli renali, riduzione del rischio di sviluppare diabete e può rallentare il progredire di malattie renali, inoltre la maggiore percentuale degli utilizzatori la segue proprio per perdere peso. E’ La dieta Dash,  un regime alimentare differente dalle altre diete, alcune delle quali anche molto pericolose, questa dieta difatti, non prevede un’alimentazione drastica, ma centra l’attenzione sulla tipologia dei cibi da assumere che permettono a tutti coloro che la seguono di abbassare la pressione sangiugna e di combattere l’ipertensione.

Un gruppo di esperti nutrizionisti Americani ha scelto Dash come dieta, perchè è stato dimostrato che è in grado di migliorare la salute, ed è composta da un gruppo equilibrato di alimenti sani, e funziona. Molto efficace per abbassare la pressione sanguigna ed il colesterolo, è quindi, associata anche ad un minor rischio di cancro, malattie cardiache e rischio di ictus. Questa dieta, poi, è ottima anche per perdere peso in modo sano, senza rischi. Lo studio ha preso in esame 38 diete diverse, analizzando parametri come l’efficacia a breve e lungo termine, rischi e benefici per la salute e costi. Nella top 10 globale la “nostra” mediterranea occupa il quarto posto.

La dieta Dash è stata messa a punto dal National Heart, Lung, and Blood Institute americano per i pazienti con ipertensione. La caratteristica principale della dieta è limitare il sale complessivamente a 2,3 grammi al giorno, una quantità che equivale a poco più di due cucchiaini da caffè. “Basta prediligere cibi come frutta, verdura, cereali integrali – spiegano le linee guida della dieta – ed evitare quelli che si amano di più, dai dolci alla carne rossa, aggiungendo il tetto al consumo di sale”.

Gli alimenti che compongono la dieta Dash, sono molto vari, ma selezionati bene tra i cibi sani e distruibuiti senza eccedere  ad un singolo alimento, il menù di questa dieta ha l’obiettivo principale quello di contrastare l’ipertensione cardiaca, contenendo alimenti essenziali e allo stesso tempo togliendo i cibi che vanno contro tale obiettivo. Dovranno quindi esserci molta frutta e verdura in grande quantità, privarsi di dolci, merendine etc, e sostituirli con frutta fresca di stagione.

Le persone sovrappeso che vorranno ridurre la propria massa corporea, oppure coloro i quali si trovano in età avanzata e non necessitano di un particolare apporto calorico a causa delle ridotte attività sportive praticate, avranno bisogno di una dieta Dash con piano alimentare da poche calorie.

Al contrario, chiunque vorrà incrementare la massa corporea, perché ad esempio più volte alla settimana pratica sport agonistico, o per altre ragioni come una fase di sottopeso, opterà per piani alimentari pesanti (nelle nostre diete, sono presenti piani fino alle 3200 calorie). In ogni caso, per conoscere con esattezza il vostro personale fabbisogno giornaliero, chiedetelo al vostro medico (che esaminerà diversi fattori, come l’età anagrafica, il sesso, il peso corporeo e l’attività fisica praticata).

La dieta di casa nostra – Alla dieta mediterranea pura e semplice è toccato il quarto posto a pari merito con altri regimi alimentari: quello che rende più fertili, quello della Mayo Clinic, quello anticolesterolo e la Weight Watchers. La dieta vegetariana è invece fuori dalla top 10 e occupa il tredicesimo posto, perché garantisce una perdita di peso minore pur essendo tra le più impegnative da seguire. Ancora più in basso la dieta vegana, ferma al ventunesimo posto.

La classifica – L’elenco delle prime dieci posizioni

1. Dash




2. Dieta della mente

3. Tlc – Per combattere il colesterolo “cattivo” e le malattie cardiovascolari. Non bisogna superare i 200 grammi di grassi saturi al giorno, pari al 7% delle calorie giornaliere.

4. Dieta della fertilità – Indicata per le donne che vogliono restare incinte. Unisce un regime alimentare proteico e vitaminico a una discreta attività fisica.

5. Mayo Clinic – Lo scopo principale è quello di perdere peso. Il focus è sui comportamenti quotidiani da evitare, come ad esempio mangiare mentre si guarda la Tv.

6. Dieta mediterranea – Gli obiettivi: perdere peso, contrastare le malattie croniche e prevenire il cancro.

7. Weight Watchers – Perdere peso contando le calorie ingerite. Qualche “deviazione” è concessa, a patto che non si sfori dal piano giornaliero stabilito.

8. Dieta flexitariana – Offre i benefici di una dieta vegetariana senza dover rinunciare del tutto alla carne. Ben più importante della quantità di carne consumata, è la quantità di alimenti vegetali aggiunti alla dieta, come legumi, frutta secca, cereali integrali, frutta e verdura.

9. Dieta volumetrica – Si basa sul consumo di cibi a bassa densità calorica, che però consentono il raggiungimento del senso di sazietà.

10. Jenny Craig – Bisogna seguire un menù a base di pasti congelati e liofilizzati concepiti dall’omonima nutrizionista. I primi risultati sono evidenti dopo 28 giorni.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie