Il cioccolato, un rimedio naturale contro la tosse e senza effetti collaterali

Il rimedio senza effetti collaterali contro la tosse potrebbe essere nascosto nel cioccolato. Secondo Alyn Morice, professore della Hull University, il cioccolato sarebbe in grado di combattere e calmare la tosse meglio dei classici rimedi come miele e limone e addirittura più efficace di un comune sciroppo.

Abbiamo appena visto i risultati del più grande studio mondiale sui rimedi senza prescrizione medica intrapreso in Europa, spiega l’esperto – , parlando del trial chiamato ROCOCO – provano che un nuovo medicinale che contiene cacao è più efficace di uno sciroppo standard. La comparazione diretta ha infatti dimostrato che i pazienti che hanno assunto il medicinale a base di cioccolata hanno avuto significativi miglioramenti dei sintomi in circa due giorni”.

E questo non è di certo il primo studio sull’argomento a dimostrare che il cioccolato può calmare la tosse: una ricerca precedente dell’Imperial College di Londra, infatti, aveva già dimostrato come la teobromina – un alcaloide presente nel cacao – riuscisse a sopprimere la necessità di tossire meglio della codeina, ingrediente comunemente usato nella cura della tosse.

“L’idea che il cioccolato possa curare la tosse può sembrare un po’ pazza, ma – spiega il professore – i ricercatori impegnati nello studio credono che i benefici siano da ricercarsi nelle proprietà lenitive del cacao. Questo significa semplicemente che essendo più vischioso delle medicine standard per la tosse, è in grado di formare un rivestimento protettivo sulle terminazioni nervose della gola che innescano la voglia di tossire. Questo effetto emolliente spiega perché miele, limone e altri sciroppi zuccherati possono aiutare, ma credo ci sia qualcosa in più nel cioccolato. Sono sicuro – afferma Morice – che abbia una proprietà farmacologica, una sorta di effetto inibitorio sulle terminazioni nervose”.

Consumare una semplice cioccolata calda, – avverte l’esperto – , non avrà lo stesso effetto di un medicinale a base di cacao perché “non rimane in contatto con la gola abbastanza a lungo per formare un rivestimento protettivo. Succhiare lentamente un pezzo di cioccolato può dare sollievo, ma credo sia il modo in cui i composti del cioccolato lavorano con gli altri ingredienti dello sciroppo a renderlo così efficace. A parte il cacao, l’effetto emolliente delle altre sostanze presenti – difenidramina, levomentolo e cloruro d’ammonio – rimane infatti in contatto con le terminazioni nervose sensibilizzati per più a lungo possibile”.

“Ma la cosa più importante – sottolinea il professore – è che entrambi gli studi hanno dimostrato che è tempo di abbandonare la ridicola convinzione che esistano diversi tipi di tosse che necessitano differenti medicine. E’ solo mitologia. La varietà è bella quando apriamo una scatola di cioccolatini, ma che i consumatori si trovino davanti una serie di differenti sciroppi per apparenti diversi tipi di tosse è semplicemente confusionario. Da un punto di vista del marketing ha molto senso parlare di tosse grassa e secca, perché è un buon modo di incoraggiare le persone a comprare più prodotti. Ma da un punto di vista scientifico – conclude l’esperto – è semplicemente fuori moda”.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie