Prato: maltrattamento e lesioni su anziani, licenziati infermieri Asl

Licenziati in tronco  i tre infermieri Asl coinvolti nell’inchiesta sui maltrattamenti nella rsa di Narnali (Prato) e per i quali la Procura ha chiesto il rinvio a giudizio. Due di loro, come riporta NotiziediPrato, un uomo e una donna, erano stati sospesi dal servizio lo scorso 10 luglio in esecuzione della misura cautelare disposta dal gip all’indomani dell’intervento della squadra mobile di Prato, su richiesta del sostituto procuratore Egidio Celano che ha coordinato l’inchiesta.

Per l’infermiera l’accusa è di maltrattamenti mentre il collega uomo dovrà rispondere di furto aggravato essendo stato ripreso dalle telecamere nascoste della polizia mentre prendeva soldi dal portafoglio di un degente. La terza persona è risultata solo indagata, sempre per maltrattamento, perchè la sua posizione era considerata più leggera rispetto agli altri due infermieri, ma è stata comunque rinviata a giudizio e quindi licenziata. Il provvedimento di licenziamento è stato deliberato dall’azienda sanitaria i primi giorni di dicembre, dopo la richiesta di rinvio a giudizio della Procura per 13 dei 17 indagati, e in sostanza si basa sull’applicazione della sanzione disciplinare del licenziamento senza preavviso previsto dal regolamento aziendale. Un provvedimento annunciato dai vertici Asl non appena l’inchiesta è venuta allo scoperto suscitando grande clamore e sdegno a livello nazionale.

I tre infermieri licenziati si aggiungono ai 14 lavoratori delle cooperative facenti capo al Consorzio Astir che hanno perso il lavoro subito dopo il terremoto giudiziario, anche perchè Asl ha interrotto immediatamente l’appalto che ha poi affidato alla Misericordia di Firenze. Per 4 di loro la Procura ha chiesto l’archiviazione, ma restano comunque a casa senza lavoro e senza possibilità di reintegrazione proprio perchè Astir ha perso l’appalto. Un destino che ha colpito, quindi, anche quelle lavoratrici Astir, in servizio a Narnali, che non sono state coinvolte nell’inchiesta.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie