Usa: Pasta di legno nel ‘100% Parmesan’, la FDA lancia l’allarme

Il Ministero della sicurezza alimentare statunitense (FDA) ha segnalato la presenza di un alta percentuale di pasta di  legno nel Parmesan Cheese. Il “Parmesan” è il grande classico dei prodotti “taroccati” del genere made in Italy fasulli o «italian sounding», che sembrano tali e invece no, che vanno forte tra i pirati delle vendite alimentari online. Sulla confezione svettano frasi come “100% real Parmesan cheese”, ma la realtà è ben diversa.

È uno scandalo alimentare in piena regola quello che sta tenendo banco in questi giorni negli Stati Uniti. La U.S. Food and Drug Administration, come riporta Bloomberg News, avrebbe infatti scoperto che una buona parte del parmigiano presente sul mercato americano conterrebbe in realtà al suo interno non soltanto un’infinità di altri formaggi non meglio identificati, ma anche tracce di cellulosa e pasta di legno. Un esempio? Nei prodotti della Castle Cheese Inc è stata trovata traccia di mozzarella, emmental e soprattutto cellulosa.
Secondo Neal Schuman, della Arthur Schuman Inc. con sede in New Jersey – il più grande venditore dei formaggi stagionati italiani negli States -, almeno il 20 per cento di quelli venduti in America hanno una falsa o non del tutto accurata, etichetta. Lo ripete da anni, e ora che il governo americano è deciso a salvare l’etichetta della purezza del Parmigiano italiano, trarrà il suo profitto. L’ammontare di quel 20% in vendite vale almeno 375 milioni di dollari. “Il fatto che nel formaggio grattugiato meno del 40 per cento del prodotto sia un prodotto caseario è grave”, ha detto Schuman, “i consumatori sono innocenti, e non stanno ottenendo quello che si aspettavano quando hanno pagato. E’ sbagliato”.

L’indagine è partita nel 2012 da Bloomberg che ha analizzato in laboratorio diversi tipi di formaggio grattugiato in vendita nei supermercati Usa. I risultati hanno evidenziato la presenza di pasta di legno, molti contengono infatti cellulosa. “La cellulosa è un additivo non dannoso, a un livello compreso tra il 2 e il 4 per cento” ha spiegato Dean Sommer, espero del Centro di Dairy Research a Madison, Wisconsin. Ma i livelli sono superiori in molti dei prodotti analizzati. Essential Everyday 100% Grated Parmesan Cheese, dalla catena ‘Jewel-Osco’, contiene 8,8 per cento di cellulosa. Great Value 100% Grated Parmesan Cheese dei negozi Wal-Mart: 7,8 per cento. ‘Whole Foods 365’, che non dichiara la cellulosa tra gli ingredienti, è stato testato e ne contiene lo 0,3 per cento. Kraft ha il 3,8 per cento di cellulosa. I rappresentanti delle catene elencate da Bloomberg hanno dichiarato di aver dato inizio a un’indagine su questi risultati.

Ora Michelle Myrter, ex presidente della società, chiusa nel 2014 per bancarotta, rischierebbe fino a un anno di detenzione e una multa di 100 mila dollari.

Condividi questo articolo: 

AH, LEGGI ANCHE QUESTI !



 

Altre Notizie