Come mi vedi? l’inclusione nella società delle persone Down passa attraverso lo sguardo degli altri

Uno sguardo può essere amichevole, incoraggiante, rispettoso oppure freddo, sprezzante, discriminatorio. La piena inclusione delle persone con sindrome di Down passa anche dallo sguardo degli altri, dai pregiudizi della società̀ e dalle possibilittà̀ che vengono loro offerte. Vivere una vita ricca di relazioni sociali soddisfacenti grazie al supporto della propria comunità, della famiglia, degli amici, dei colleghi di lavoro: a questo tema è dedicata l’undicesima edizione della Giornata Mondiale sulla sindrome di Down, in programma per oggi 21 marzo 2016.

CoorDown Onlus – Coordinamento Nazionale Associazioni delle persone con sindrome di Down celebra il World Down Syndrome Day attraverso una campagna di sensibilizzazione internazionale realizzata, per il quinto anno consecutivo, con la preziosa collaborazione dell’agenzia di pubblicità Saatchi & Saatchi, ufficio di New York.

Il breve film “How Do You See Me?” – disponibile sul canale YouTube di CoorDown è diretto da Reed Morano con la partecipazione della star americana Olivia Wilde, ambasciatrice di diverse associazioni non profit e proprio in questi giorni in televisione con la serie Vinyl.

La protagonista dell’online film è AnnaRose, una giovane ragazza con sindrome di Down che racconta la sua vita: piena di significato, ricca di opportunità, di amicizie e di affetto ma anche di sfide e momenti di difficoltà. Questa vita è rappresentata sullo schermo dall’attrice Olivia Wilde. La metafora serve a stimolare una riflessione su come le persone con sindrome di Down vedano se stesse e su come siano spesso vittime di discriminazioni basate su preconcetti e aspettative stereotipate.

“Siamo contenti di presentare anche sul territorio comasco l’iniziativa di comunicazione del CoorDown nazionale – commenta Roberto Esposito presidente di Down Verso associazione territoriale con sede a Cantù – perché ci permette di rilanciare il tema della piena inclusione delle persone con sindrome di Down, che cerchiamo di promuovere ogni giorno con le nostre attività. Con questo bellissimo video avremo uno strumento in più, anche in occasione della Giornata Mondiale, per spiegare a tutti che le capacità dei nostri figli dipendono molto dalla prospettiva con cui li guardiamo e valorizziamo. Ciascuno di noi (con sindrome di Down o senza!) si realizza e rafforza a partire dalla qualità della relazione con gli altri”, conclude Esposito.

L’Associazione Down Verso si sta in particolare occupando dei percorsi di autonomia (abitativa, lavorativa, relazionale) delle persone con sindrome di Down ed ha recentemente presentato anche alle istituzioni comasche, in un partecipato convegno presso la Sala Bianca del Teatro Sociale a Como, le esperienze di eccellenza nazionale in tal senso. Per dare anche ai ragazzi e ragazze con Trisomia 21 le “chiavi di casa” della propria vita.

Il film sarà presentato, il prossimo lunedì 21 Marzo, anche alla Conferenza del World Down Syndrome Day dal titolo “My Friends, My Community” – The benefits of inclusive environments for today’s children and tomorrow’s adults” che si terrà a New York nel quartier generale delle Nazioni Unite. In quell’occasione, CoorDown sarà presente con il Presidente Sergio Silvestre e con Martina Fuga, delegata alla comunicazione, la quale terrà uno speech dal titolo “How to build an inclusive culture: understanding Down Syndrome through the lens of diversity”.

 

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie