Il Tai Chi abbassa la pressione del sangue e migliora i livelli di colesterolo

Il Tai Chi abbassa la pressione del sangue, migliora i livelli di colesterolo e trigliceridi, in persone ad alto rischio di patologie cardiovascolari. In uno studio pilota  dell’Università dello Sport di Shanghai, è stato esaminato 35 studi in materia in un’analisi pubblicata sul Journal of American Heart Association.

Il Tai Chi è nato in Cina come arte marziale di difesa. Agisce sulla totalità della persona, sia sul corpo che sulla mente. Mira al raggiungimento del benessere completo coinvolgendo muscoli, polmoni, cuore, respirazione e movimenti del corpo. Nel corso degli anni la scienza ha iniziato a confermare i numerosi benefici per la salute psico-fisica che questa pratica antica può apportare nella nostra vita quotidiana. Il Tai Chi forse non può fare miracoli, ma tentar non nuoce, visto che fare un po’ di attività fisica in più può essere un vero toccasana.

Nella nuova revisione di studi scientifici sono stati presi in considerazione i dati relativi a 2.249 pazienti con malattie cardiovascolari provenienti da 10 diversi paesi. Tutti erano stati seguiti per al massimo un anno, durante il quale hanno praticato esercizi tradizionali cinesi, come quelli del Tai chi o del Qui Gong, senza altri cambiamenti nelle abitudini quotidiane. I benefici erano evidenti: in media si notava una riduzione della pressione arteriosa sistolica di oltre 9,12mmHg (millimetri di mercurio) e della pressione diastolica di oltre il 5 mmHg, insieme a significative riduzioni nei livelli di colesterolo cattivo e trigliceridi.

Inoltre a diminuire era anche la depressione. Si tratta, ha dichiarato uno degli autori dello studio, Yu Liu, di “esercizi a basso rischio che consentono un intervento potenzialmente utile per migliorare la qualità della vita nei pazienti con malattie cardiovascolari, la principale causa di invalidità e di morte nel mondo”. L’aspetto terapeutico e di profilassi qualificano quest’arte come disciplina eccellente per il mantenimento della salute e per il progressivo miglioramento di una vasta gamma di patologie.

Condividi questo articolo: 

AH, LEGGI ANCHE QUESTI !



 

Altre Notizie