In Puglia è guerra alla corruzione nel mondo della sanità

Corruzione ASL, Zullo: “Emiliano e Montanaro dessero riscontro a nostre denunce”. “Se ‘La Puglia è la Regione italiana con il più alto tasso di corruzione nella Sanità’, così come ha detto il presidente Emiliano ieri presentando il progetto pilota della ASL Bari contro la ‘corruzione’, è anche perché le denunce non anonime, così come da oggi sarà possibile, ma circostanziate da noi presentante non hanno avuto né commissione di inchiesta interne, perché fosse fatta chiarezza, né mai a noi o pubblicamente è stato dato riscontro.

Da anni denunciamo gare di appalto che vengono prorogate illegittimamente per servizi importanti e costi esorbitanti, così come abbiamo denunciato l’anomala procedura di gare aggiudicate e, poi, annullate. Allora Emiliano e il direttore della ASL, Montanaro, comincino a dar seguito alle nostre denunce se vogliono davvero fare in modo che la Puglia non continui a essere la regione con il più alto tasso di corruzione”.

Perché il mondo è cambiato, il denaro disponibile non è infinito, e i diritti delle persone non sono compatibili con gli abusi di quelli che hanno pensato che la loro vita girasse sempre alla stessa maniera”. La “Puglia è una delle regioni con più alto tasso di corruzione, con riferimento specifico alle vicende sanitarie. E a noi non sta bene”. La sanità, a Bari e provincia, ha ricordato, “costa circa 2,7 miliardi, e non è possibile che i cittadini spendano per curarsi quanto spendono per vivere”.

Condividi questo articolo: 


AH, LEGGI ANCHE QUESTI !



 

Altre Notizie