Troppi zuccheri nei succhi di frutta e frullati per bambini

Ai bambini i succhi di frutta piacciono molto ma bisogna fare attenzione alle quantità da consumare poiché sono composti di zuccheri e quindi molto calorici sopratutto quelli  in vendita nei supermercati, infatti, secondo i ricercatori dell’Università di Liverpool contengono troppi zuccheri, anche in quelli con la dicitura “100% frutta. I  risultati sono stati pubblicati sulla rivista BMJ Open.

I ricercatori hanno analizzato 158 tipi di succhi,  rilevando che alcuni di questi possono arrivare a contenere quantità di zuccheri pari alla dose massima giornaliera raccomandata per i bambini, che è di 19 grammi, circa cinque cucchiaini. I succhi di frutta contengono in media qualcosa come 5,6 grammi di zuccheri per 100 ml, quindi in ogni confezione da 200 ml ce ne sono 11,2 grammi. Lo zucchero sale a 10,7 grammi per 100 ml nei cosiddetti succhi 100% frutta (succhi di arancia, frutti di bosco, ananas), arrivando quindi a quota 21,4 grammi a confezione, ben oltre il 19 grammi giornalieri raccomandati.

Se poi si considerano gli “smoothies” (frullati di frutta con una consistenza cremosa che possono contenere anche latte o yogurt), gli zuccheri salgono a 13 grammi per 100 ml (26 a confezione). Si tratta quindi di quantità di zucchero eccessive per un bambino, considerando che in quei 19 grammi dovrebbero essere inclusi gli zuccheri compresi in tutti i pasti e le bevande. Va infine ricordato, concludono gli autori della ricerca, che il succo di frutta è più un piacere che un’esigenza alimentare e per questo motivo evitate di dare ai vostri bambini sani, prodotti che abbiano additivi, piuttosto accettate un sano consiglio: diluite i succhi ed i concentrati con un po’ d’acqua saranno sicuramente meno calorici e più dissetanti.

Condividi questo articolo: 


 

Altre Notizie