Bike up: a Lecco si chiude con un successo l’evento europeo con protagonista la bici elettrica

E’ stata un’occasione concreta per constatare e sperimentare attraverso test ride cosa significhi utilizzare una bicicletta a pedalata assistita. Questa in sintesi la finalità della terza edizione “Bike up” il primo evento europeo tenutosi a Lecco (con la collaborazione del Comune e patrocinato tra gli altri da Confindustria ANCMA, Confcommercio Lecco) e dedicato alle biciclette a pedalata assistita, terminato il 22 maggio. Sono proprio i numeri di questa edizione a stabilire il buon esito dell’evento.

A cominciare dal numero degli espositori di e-bike, 50 tra italiani e internazionali, migliaia i visitatori giunti in città, oltre 300 le e-bike esposte, più di 4000 i test ride effettuati nei 3 giorni di festival, più di 1000 le persone che hanno realizzato i test nei vari stand, oltre 300 eBike Tour e-powered by Bosch. E ancora, per la Comunità Educativa Casa Don Guanella sono stati raccolti oltre 2000 euro, al fine di acquistare una bici elettrica per il progetto Cascina Don Guanella, pensato per giovani adulti in difficoltà e disagio al fine di integrarli in un percorso lavorativo. Commenta così uno degli organizzatori della manifestazione di Bike Up, Andrea Daelli “Con i suoi tre giorni di manifestazione, Bike Up si conferma ancora una volta uno dei più vivaci ed interessanti eventi in Italia in tema di due ruote.

La curiosità verso le e-bike, dimostrata da sportivi e semplici appassionati, cresce sempre più e lo provano anche i numeri del settore (produzione a +90,3% – dati ANCMA) e ora possiamo confermare che Bike Up è ormai un punto di riferimento importante non solo per gli espositori, ma anche per i visitatori.” Durante la tre giorni hanno avuto luogo conferenze e workshop tenuti da istituzioni ed esperti del settore e momenti di approfondimento su differenti tematiche legate alla mobilità elettrica su due ruote. Si è svolta anche UPHill, la prima street competition di e-bike centro storico di Lecco, mentre i bambini con StriderUP hanno potuto imparare i principi dell’equilibrio e dello spostamento del corpo giocando con le balance bike, le biciclette senza pedali, oltre a imparare le basi dell’educazione stradale attraverso mini corsi in grado di unire l’insegnamento al divertimento.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie