Il dolcificante artificiale può aumentare il rischio diabete tipo 2

I dolcificanti, in particolare quelli a base di aspartame, al posto dello zucchero fanno male alla salute, portando a un aumento del rischio di diabete.

Hanno preso parte alla “Third National Health and Nutrition Survey”2.856 adulti. I soggetti hanno riferito qual e’ stata la loro dieta nelle ultime 24 ore e sono stati classificati come “consumatori di dolcificanti”, come aspartame e saccarina, o “consumatori alti o bassi di zuccheri naturali”, come lo zucchero e il fruttosio. Tutti i partecipanti sono stati poi sottoposti a un di un test per la tolleranza del glucosio, in modo da verificare i rischio individuale di sviluppare il diabete. “Il nostro studio mostra che le persone obese che consumano dolcificanti artificiali, in particolare l’aspartame, possono avere una gestione peggiore del glucosio rispetto alle persone che non utilizzano sostituti dello zucchero”, ha detto Jennifer Kuk, autrice dello studio.

Un dolcificante artificiale pubblicizzato come alternativa ipocalorica allo zucchero è stato collegato a un aumento del rischio di leucemia. I ricercatori dell’Istituto Ramazzini hanno studiato gli effetti dell’uso regolare di Splenda, e ha scoperto che il dolcificante artificiale sarebbe associato all’aumento del rischio di insorgenza della leucemia. Lo studio, pubblicato sulla rivista International Journal of Occupational & Environmental Health, ha coinvolto un totale di 457 topi maschi e 396 femmine di topi a cui sono stati somministrati diversi livelli di sucralosio fino alla morte.

“Sono necessari maggiori studi per dimostrare la sicurezza del sucralosio, inclusi nuovi e più adeguati bioesami sui ratti. Considerato che milioni di persone sono probabilmente esposti” a questa sostanza, “studi si follow up sono urgenti”, afferma ancora lo studio, come riporta online il ‘Telegraph’. Questa sostanza, scoperta nel 1976, fu approvata per il consumo umano in Europa e Gran Bretagna nel 2002, dopo che il Comitato scientifico europeo sugli alimenti l’aveva dichiarata “non pericolosa per il sistema immunitario”, affermando che “non causa tumori, infertilità, non pone rischi per la gravidanza e non influenza i livelli di zucchero nel sangue”.

I ricercatori hanno però notato un aumento complessivo del tasso di tumore maligno nei topi maschi nel momento in cui hanno aumentato la quantità di dolcificante Splenda nella loro dieta. Le ricerche compiute sulle cavie nelle cavie hanno dimostrarono l’esistenza di un collegamento tra una più alta incidenza di leucemia nei topi maschi in cui le dosi del dolcificante artificiale hanno raggiunto livelli fra 2.000 a 16.000 ppm. Tuttavia, i ricercatori hanno sottolineato la necessità di ulteriori studi che possano evidenziare con chiarezza il collegamento con i tumori nell’uomo. Analogamente le ricerche compiute su altri dolcificanti approvati per la commercializzazione non hanno dimostrato alcun collegamento con i tumori nell’uomo.”

I produttori americani del dolcificante, Heartlands Food Products, respingono seccamente in una nota il lavoro, sostenendo che “le autorità regolatorie e quelle per la sicurezza alimentale hanno trovato altri studi condotti dall’Istituto Ramazzini inaffidabili. Il gruppo conduce di routine studi con disegni non convenzionali ed è stato criticato per il fatto di non seguire standard per la valutazione della sicurezza riconosciuti a livello internazionali. La verità è che l’evidenza scientifica supporta fortemente l’affermazione che il sucralosio è sicuro e non causa tumori”.

Condividi questo articolo: 


AH, LEGGI ANCHE QUESTI !



 

Altre Notizie