Mission Earth 2016: Obbiettivo terra, domani inaugurazione al Palazzo delle Nazioni Unite

Sarà inaugurata domani alle ore 18:00 (locali) al Palazzo delle Nazioni Unite a New York la mostra: “Mission Earth 2016 – The sea: the blue lung of the world” promossa dalla Fondazione UniVerde, in collaborazione con Marevivo, la Rappresentanza Permanente d’Italia all’ONU e la Società Geografica Italiana, in partnership con Meridiana, Banca Popolare di Milano, Solania e Rossopomodoro.

All’evento parteciperanno: Alfonso Pecoraro Scanio (Presidente della Fondazione Univerde), Sebastiano Cardi (Rappresentante Permanente dell’Italia presso le Nazioni Unite), Rosalba Giugni (Presidente di Marevivo), Ferdinando Boero (Professore di Zoologia e Biologia Marina all’Università del Salento) e il Sottosegretario di Stato del Ministro dell’Ambiente Silvia Velo in prima linea per rilanciare politiche per la difesa del mare a livello nazionale e internazionale.

Il tema scelto per l’edizione 2016 è: “Il mare: polmone blu del Pianeta” con 15 bellissimi scatti di aree costiere di Parchi Nazionali e Regionali e 15 foto subacquee scattate in Aree Marine Protette, selezionati tra quelli che hanno partecipato al concorso fotografico Obiettivo Terra. Insieme alla mostra sarà proiettato il video di Marevivo sulle idee progettuali vincitrici delle passate edizioni del bando “Sole, Vento e Mare energie rinnovabili e paesaggio delle isole minori italiane”, delle best practices realizzate nel nostro Paese relative alle energie catturate dal mare e alle tecnologie di protezione messe a punto da Castalia e attuate con la sua flotta di navi antinquinamento presenti in tutte le coste italiane.

«Nel 2015, la Fondazione UniVerde ha esposto alle Nazioni Unite le più belle foto dei Parchi Nazionali e Regionali italiani “Polmone verde del pianeta” – spiega Alfonso Pecoraro Scanio – per valorizzare l’inestimabile patrimonio di biodiversità, tradizioni, borghi e cultura da essi tutelato e per lanciare un messaggio a tutti i Paesi del mondo sulla necessità di proteggere le nostre riserve naturali. Dopo la mostra sul “polmone verde” abbiamo ritenuto importante dare analoga visibilità al “polmone blu del Pianeta” perché la tutela e la salute dei mari e degli oceani deve diventare una priorità di tutte le Nazioni. Nel 2007 da Ministro dell’Ambiente – prosegue Pecoraro Scanio – lanciai il programma di collaborazione “Pacific Island Forum” per difendere le isole, che oggi ancor più di allora, come sottolineato anche alla Conferenza sul clima a Parigi, sono vittime del cambiamento climatico».

«L’Italia è in prima linea all’ONU sul tema della conservazione dei mari e degli oceani – dichiara Sebastiano Cardi – Lavorando sull’attuazione di uno dei Target specifici dell’Obbiettivo per lo Sviluppo Sostenibile n. 14, insieme con la Ocean Sanctuary Alliance, abbiamo lanciato l’iniziativa 10X20, diretta a conservare almeno il 10% delle aree costiere e marine per il 2020. Dopo una conferenza costruttiva e di successo tenutasi a Roma lo scorso Marzo, stiamo ora lavorando su alcuni passi concreti per contribuire al raggiungimento dell’obbiettivo, come la creazione di un “toolkit” per lo stabilimento di aree marine protette e altre forme di assistenza ai Paesi interessati alla loro creazione».

«Il mare è il ‘polmone blu’ della Terra perché produce oltre la metà dell’ossigeno che respiriamo e assorbe un terzo dell’anidride carbonica prodotta dai combustibili fossili. Questa benefica funzione viene esercitata non esclusivamente in virtù delle sue acque salate, ma perché il mare è un ‘organismo vitale’, composto da vegetali e animali in un equilibrio dinamico raggiunto in milioni di anni – spiega Rosalba Giugni, presidente di Marevivo -. Oggi, con questa mostra vogliamo ricordare, attraverso la bellezza e la forza delle immagini, che il mare, il nostro ‘Ultimo Eden’, va tutelato e protetto».

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie