90 bambini siriani a scuola in Libano grazie a Fondazione Milan

Nello sport come nella vita, l’educazione è alla base di qualunque successo. Un concetto alla base anche dell’impegno di Fondazione Milan. La Public Charity legata ai colori rossoneri dopo la positiva collaborazione con UNHCR all’interno del progetto Sport for Peace, ha deciso, infatti, di dare un ulteriore contributo all’Agenzia ONU per i rifugiati. Questo permetterà a 90 bambini siriani rifugiati in Libano di poter continuare a studiare.

La donazione consentirà a questi bambini di frequentare il secondo turno scolastico, un programma realizzato dal Ministero dell’Istruzione Libanese con la collaborazione di UNHCR. Dal 2013 in poi, infatti, a causa dell’incremento costante del numero dei rifugiati siriani in fuga dalla guerra, il sistema scolastico libanese ha raggiunto la saturazione e non ha più avuto le risorse per consentire ai bambini siriani di frequentare le lezioni. Da questa difficoltà è nata l’esigenza di creare un turno pomeridiano per garantire il percorso scolastico a tutti i bambini presenti sul territorio.

“Fondazione Milan da diversi anni ormai è uno dei nostri principali donatori – commenta Federico Clementi, Direttore della Raccolta Fondi di UNHCR Italia – siamo molto felici e particolarmente fieri di questa collaborazione in quanto si basa su una comunanza di visione e principi e su un analogo approccio concreto a orientato ai risultati, in questo caso il benessere dei rifugiati. L’importanza dell’istruzione e dell’educazione, sia come risorsa essenziale per la costruzione di un futuro che come veicolo di integrazione sociale per i bambini rifugiati, è infatti un valore centrale per entrambi. Speriamo che in futuro possa continuare questa partnership che in sei anni ha garantito assistenza materiale a oltre 20 mila bambini rifugiati “, conclude Clementi.

“Lo sport e l’istruzione – ha dichiarato Rocco Giorgianni di Fondazione Milan – sono una componente fondamentale per la crescita e la libertà di ogni individuo. Siamo orgogliosi di poter continuare a contribuire al futuro di questi bambini. Siamo stati sul campo a vedere e toccare con mano quanto realizzato con Sport for Peace. Un impegno, il nostro, che nel corso degli anni ha fatto tornare il sorriso sui volti di molte persone e questo è il ringraziamento più bello che possiamo ricevere. Con questa nuova iniziativa, sempre realizzata con UNHCR, il nostro obiettivo è quello di permettere ai bambini in difficoltà di continuare a guardare oltre l’orizzonte del loro presente”.

Lo scorso anno Fondazione Milan aveva annunciato i risultati del progetto che ha consentito, in collaborazione proprio con UNHCR, di realizzare interventi di ristrutturazione in 12 impianti sportivi in differenti aree del Libano dove sono presenti molti rifugiati siriani. All’interno del progetto Sport for Peace si sono svolti anche la formazione per gli allenatori e dei corsi sul dialogo e l’integrazione cui hanno partecipato i genitori.

La collaborazione tra Fondazione Milan e UNHCR è iniziata nel 2010, come risposta alla grave emergenza umanitaria che aveva colpito il Pakistan in seguito alla terribile alluvione. È poi proseguita su progetti legati all’istruzione e all’integrazione. Nel 2012 Fondazione Milan ha garantito un anno di lezioni in aule nuove e pulite in Libano per profughi siriani, con materiali didattici adeguati e con insegnanti formati. Nel biennio 2014-2015, è stato finanziato il progetto Sports for Peace, grazie al quale, fra le altre cose, oltre 2mila bambini siriani e libanesi hanno avuto la possibilità di praticare diversi sport insieme e, soprattutto, di socializzare.

Condividi questo articolo: 


AH, LEGGI ANCHE QUESTI !



 

Altre Notizie