Cannabis Legale: al via oggi la discussione in Aula alla Camera, presentati 2000 emendamenti

A partire da oggi, è previsto l’avvio della discussione in Aula alla Camera del DDL “Cannabis Legale“, inclusi i 1.555 emendamenti che sono stati presanti lo scorso 19 luglio. A tal proposito, sebbene non ci si possa affatto meravigliare del fatto che i vari gruppi parlamentari, attraverso gli emendamenti, intendano far valere le proprie posizioni nei confronti di una riforma normativa di tale portata, il numero di modifiche proposte, assolutamente sproporzionato rispetto all’effettiva necessità, ha destato in particolar modo l’attenzione delle agenzie di stampa, sollevando aspre critiche da parte di tutti i sostenitori della “Cannabis Legale”.

Il principale artefice di quello che è stato definito un vero e proprio tentativo di bloccare l’iniziativa dell’Intergruppo Cannabis Legale è Area Popolare (NCD-UCD), che ha presentato ben 1.229 emendamenti per proporre la cancellazione di tutti e 10 gli articoli del suddetto disegno di legge, l’inasprimento dell’attuale impianto proibizionista del DPR 309/90 ed una serie di altre amenità varie che non vale la pena nemmeno menzionare.

Walter Verini capogruppo Pd in commissione Giustizia, parlando del ddl sulla cannabis – ha dichiarato – “Credo – che non sia sbagliato che si faccia un dibattito aperto in Aula fin da oggi, dove emergerà la trasversalità delle posizioni all’interno dei partiti con opinioni opposte su testo che non consente al momento di trovare alcuna sintesi. Ci sono circa 2000 emendamenti presentati in gran parte da chi si oppone in modo radicale al ddl e questo ha costretto la commissione a dire: discutiamo in aula ma non c’è tempo per i pareri e rinviamo l’esame delle proposte di modifica a settembre”. “Secondo me – conclude Verini – man mano che il dibattito si svilupperà emergeranno chiaramente differenze che riguardano tutti i gruppi, compreso il nostro. E’ però plausibile che su alcuni aspetti della materia, tipo l’uso a fini terapeutici della cannabis, qualche passo avanti di sintesi possa esserci”.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie