Migranti, nave ‘Vega’ della Marina Militare sbarca 726 profughi a Reggio Calabria

E’ terminato nel primo pomeriggio a Reggio Calabria lo sbarco di 726 milgranti dala nave ‘Vega’ della Marina Militare, che ne da’ notizia sul suo profilo Twitter. Si tratta di una parte dei profughi soccorsi nel Mediterraneo nei giorni scorsi. Altri 622 erano giunti stamattina nel porto di Vibo Valentia con la nave militare irlandese ‘James Joyce’. Altri 207 sono attesi in serata a Pozzallo (Ragusa).

Il gruppo di migranti, di varia nazionalità, é composto da 424 uomini, 151 donne, 152 minori e due neonati. Le attività’ di accoglienza e di assistenza, nel momento dello sbarco, sono state coordinate dalla Prefettura di Reggio Calabria. Le condizioni di salute del gruppo di migranti sono complessivamente buone. É stato rilevato soltanto qualche caso di scabbia. Tra le donne molte sono quelle in stato di gravidanza. “I profughi – ha detto ai giornalisti il comandante della nave Vega, Tenente di vascello Raffaele Martino – nel momento in cui sono stati soccorsi, nell’ambito dell’operazione ‘Mare Sicuro’, viaggiavano su quattro gommoni dotati di motori del tutto inaffidabili e che imbarcavano acqua”.

A Vibo Valentia la nave militare irlandese “James Joyce” ha condotto 622 profughi. Nel weekend c’è stata una tregua, nel senso che non ci sono state segnalazioni di barconi carichi di disperati in navigazione verso le coste italiane o comunque in quell’ampia fascia di mare aperto che dalle coste libiche va verso la parte nord del Mediterraneo. Da inizio anno sono invece 84mila le persone recuperate in mare e quindi sbarcate in Italia, un numero – si fa notare alla Guardia Costiera – in linea con quello dell’anno precedente. Numeri comunque drammatici, appena attenuati dal fatto che non ci siano aumenti

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie