Prato: Cane carbonizzato tra la spazzatura, denunciati imprenditrice e padre e figlio

Cane carbonizzato tra la spazzatura: individuati e denunciati i responsabili. Il nucleo ambientale della polizia municipale di Prato ha denunciato tre persone, una donna di 70 anni, titolare di un’azienda tessile, e padre e figlio, rispettivamente di 51 e di 32 anni, tutti cittadini italiani. L’indagine è partita a seguito della segnalazione di vigili del fuoco, che intervenuti per lo spegnimento di un incendio a Iolo, nei pressi dei giardini pubblici, si sono trovati di fronte alla raccapricciante scena della carcassa parzialmente bruciata di un cane, di presunta razza rottweiler. Accanto ad essa un cumulo consistente di scatoloni abbandonati.

La polizia municipale ha continuato ad indagare facendo effettuare una verifica sull’integrità del microchip dell’animale e analizzando il contenuto degli scatoloni per poi recarsi presso le ditte che riportavano elementi in comune con i documenti rinvenuti all’interno dei rifiuti. La ricostruzione del ciclo aziendale di un pronto moda nel macrolotto di Iolo, sul quale sembravano convergere tutti i primi indizi, ha permesso di giungere ad una ditta intermediaria che a sua volta aveva rapporti con un’azienda pratese di ricondizionamento capi ed etichettatura. La ditta, che aveva la sede legale a Iolo in provincia di Prato, ma di fatto esercitava l’attività all’interno di un capannone a Quarrata in provincia di Pistoia , non aveva mai registrato tale sede alla Camera di Commercio e non pagava la tassa di smaltimento sui rifiuti urbani ed assimilati. Gli scarti aziendali quando andava bene venivano smaltiti nei cassonetti stradali di Prato, principalmente quelli della zona di via Pistoiese, se non addirittura buttati nei vari campi della città.

La carcassa dell’animale è stata posta sotto sequestro, a disposizione dell’autorità giudiziaria, che potrà eventualmente disporre i successivi accertamenti per verificare le reali cause di morte dell’animale. Secondo quanto riferito dagli indagati, l’animale sarebbe morto per cause naturali a Quarrata e successivamente portato nel campo a Prato per lo smaltimento mediante incenerimento. Ad incastrare gli stessi ci sono anche le riprese della telecamere che evidenziano il passaggio del furgone della ditta in prossimità del luogo dell’incendio alcuni minuti prima e dopo l’evento. I due uomini sono stati denunciati in concorso tra loro per l’ipotesi di uccisione e/o maltrattamento di animale e congiuntamente alla titolare dell’attività tessile per la gestione illecita dei rifiuti speciali. Inoltre dovranno far fronte alle spese sostenute per la rimozione dei rifiuti.

Condividi questo articolo: 

AH, LEGGI ANCHE QUESTI !



 

Altre Notizie