Uno contro zero, dal 22 luglio ritiro gratuito dei piccoli apparecchi elettronici

Secondo il decreto del ministero dell’Ambiente n. 121 (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale) dal 22 luglio partirà il ritiro gratuito nei negozi dei piccoli apparecchi elettronici ed elettrici denominato “uno contro zero“. Non sarà necessario effettuare alcun tipo di acquisto per richiedere il ritiro del vecchio smartphone, tablet, fon, rasoi o altri gadget elettronici.

Il riciclo è delle apparecchiature elettroniche è quello che, forse, crea maggiori problemi perché non smaltito correttamente. Computer, televisori, elettrodomestici in genere e smartphone incluse le altre apparecchiature di piccole dimensioni. Il Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare con il suo ultimo decreto ha cercato di dare delle norme che ne possano favorire il corretto smaltimento.

A partire dal 22 luglio i negozianti sono obbligati al ritiro dei piccoli gadget senza la necessità di alcun tipo di acquisto. La norma, però, prevede che l’obbligo sia applicato solo a quegli esercizi con una superficie di almeno 400 metri quadrati con la facoltà di decidere se accettare o meno in caso di negozi con superficie inferiore. A cura del negoziante anche la creazione delle aree apposite dedicate allo smaltimento dei dispositivi RAEE.

I rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) che possono essere smaltiti “uno contro zero” appartengono alla categoria delle apparecchiature elettriche ed elettroniche che dipendono, per un corretto funzionamento, da correnti con una tensione non superiore a 1000 volt per la corrente alternata e a 1500 volt per la corrente continua. Ora i telefoni cellulari, smartphone e tablet non faranno più da soprammobile o da fermacarte, ma anche altre apparecchiature come vecchi asciugacapelli, rasoi elettrici, piastre per capelli, spremiagrumi, lettori mp3, sbattitori elettrici e altri apparecchi di piccole dimensioni potranno essere recapitati ai negozi di grandi dimensioni per il corretto smaltimento e riciclo.

Condividi questo articolo: 


 

Altre Notizie