Centrifugati: 10 motivi per consumare regolarmente frutta e verdura

Per molte persone è difficile assumere la giusta quantità di nutrienti attraverso un adeguato consumo di frutta e verdura. Eppure la soluzione è a portata di mano: i centrifugati di frutta e verdura!. “Si tratta di un modo ottimo per bere sano assumendo prodotti freschi e salutari, senza conservanti e, grazie all’aggiunta di verdura, con un basso indice glicemico”, spiega all’Adnkronos Salute Anna D’Eugenio, medico nutrizionista che promuove a pieni voti la moda, sempre più diffusa in città come in vacanza, di queste bevande.

“La centrifuga è perfetta per ricaricarsi d’estate, a patto che si aggiunga sempre una verdura alla frutta”. Questo per riequilibrare sul piano glicemico il succo che non contiene più fibre, naturali ‘rallentatori’ dell’assorbimento dello zucchero, eliminate nel processo di estrazione. “Ed è ancora meglio – precisa D’Eugenio – l’estratto, il cui meccanismo di preparazione, più lento e a bassa temperatura, conserva un pò di più le sostanze nutritive. Ma la centrifuga, considerando che ha costi più bassi, va benissimo”, dice l’esperta all’Adnkronos Salute.

“E’ un tipo di ‘merenda’ adatto praticamente a tutti” ma, avverte D’Eugenio, “qualche accortezza è necessaria per le persone che hanno patologie gastriche, a cui è sconsigliato assumere solo liquidi. In questi casi si possono bere questi succhi a colazione, accompagnati da pane e olio, oppure, se si preferisce, pane e marmellata o ancora fette biscottate. Insomma alimenti secchi e non troppo zuccherini”.

Un pò di attenzione agli ingredienti per chi ha problemi glicemici: “Meglio associare due verdure e un solo frutto, per controllare il contenuto di zucchero. Si può usare la mela oppure kiwi o ancora la pesca da centrifugare insieme, per esempio, a cavolo cappuccio e zucchina oppure carota e zucchina o ancora cavolo cappuccio e carota”. Per chi invece ha problemi di colite o diverticoli “l’estratto o la centrifuga sono ideali perché, eliminando le fibre che favoriscono l’infiammazione, consentono di assumere senza controindicazioni vitamine, sali minerali ed enzimi”.

Per preparare il proprio succo ideale le regole sono poche. Da evitare, suggerisce l’esperta “gli estratti di sola frutta, il cui contenuto di zucchero è più elevato”. Se si vuole approfittare dell’azione ‘curativa’ dell’associazione di frutta e verdura, poi, è utile usare “pochi ingredienti. Questo permette di dare all’organismo un’informazione semplice, facile da codificare”. Vanno scelte, poi, le associazioni giuste. Ingredienti jolly, che possono essere usati in tutte le ricette sono “un pò di limone, anche una fetta, come antiossidante e lo zenzero come digestivo, antiossidante o anche solo per il gusto piccante”.

Tutte le centrifughe e gli estratti “sono diuretiche, perché contengono potassio e poco sodio”, spiega D’Eugenio. Ma si ottiene un più deciso effetto drenante mettendo insieme, ad esempio “ananas cetriolo e pesca”, suggerisce l’esperta . Oppure “uva, cavolo cappuccio, frutti di bosco che è anche una bevanda molto tonica”. Molto energizzante l’associazione di “pompelmo, cavolo cappuccio e prugna”. Un perfetto antinvecchiamento si ottiene con “melograno, limone e rapa rossa”, mentre per favorire l’abbronzatura il classico “mela, carota e zenzero”.

Più ricca, invece, la centrifuga di “melone, pompelmo, cetriolo e pesca – spiega ancora D’Eugenio – che può essere utilizzata anche dalle persone abituate – anche se non è un’idea molto sana e la sconsiglio – a saltare il pranzo. In questi casi è necessario bere almeno 250 ml di centrifuga e non avere nessun problema glicemico, altrimenti dopo due ore l’organismo dà segni di malessere”.

Chi è a dieta, infine, può ‘fare merenda’ con una centrifuga tranquillamente “a patto di utilizzare due verdure (cavolo cappuccio, carota, zucchina, cetriolo) e un frutto (mela, kiwi, pesca)”. Mentre per i bambini va bene una centrifuga più dolce come “albicocche, carota, kiwi e rapa rossa. Ma va associata con una fetta di pane con marmellata, oppure miele o pomodoro. Niente dolci perché la centrifuga, anche se sana contiene comunque zucchero”.

Ecco 10 motivi per consumare regolarmente centrifugati di frutta e verdura
1. Contrastano stress, stanchezza e affaticamento cronico. I centrifugati donano forza e vitalità al corpo umano, duramente provato dallo stress e dall’inquinamento presenti nella vita quotidiana. Inoltre i succhi costituiscono una vera e propria sferzata d’energia: i nutrienti al loro interno vengono assimilati velocemente, e hanno un’azione remineralizzante e tonificante molto rapida.

2. Aiutano ad affrontare i cambi di stagione. I succhi freschi di frutta e verdura possono essere utilizzati per rafforzare il sistema immunitario, in preparazione all’inverno, e per tonificare il corpo in primavera.

3. Sono disintossicanti e depuranti. I centrifugati aumentano la diuresi senza però impoverire il corpo di nutrienti, inoltre le sostanze ivi contenute permettono di depurare l’organismo in maniera più profonda ed incisiva. Per questo motivo i succhi freschi di frutta e verdura sono considerati un valido supporto a cure drenanti.

4. Sostengono la pelle. L’azione depurante dei succhi freschi di frutta e verdura, unita a un’alimentazione sana, permette di ridurre brufoli, acne, dermatiti e altri problemi della pelle.

5. Sono antiossidanti. L’assunzione regolare di centrifugati accelera il ricambio cellulare. Inoltre i principi attivi contenuti nei succhi freschi agiscono come stabilizzatori cellulari, permettendo la produzione di nuove cellule singolarmente giovani e vitali.

6. Supportano la dieta dimagrante. I centrifugati sono poveri di calorie, e al contempo ricchi di quei nutrienti che spesso mancano nelle diete ipocaloriche. Inoltre riducono l’appetito.

7. Favoriscono la digestione. I succhi freschi di frutta e verdura sono ricchi di enzimi vegetali, che favoriscono l’assorbimento intestinale dei nutrienti presenti nel cibo, e al contempo eliminano i gas causati dalla fermentazione.

8. Riducono le infiammazioni gastro-intestinali. I Centrifugati hanno un minor apporto di scorie rispetto alla frutta e verdura mangiata al naturale, permettendo all’intestino di risparmiare energia e di disinfiammarsi più rapidamente.
Non solo, i centrifugati possono permettere di riprendere l’assunzione di alimenti ricchi di fibra e cellulosa, che spesso è preclusa a chi soffre di colite, gastrite, ulcera e altre infiammazioni dell’apparato gastro-intestinale

9. Costituiscono una terapia mirata. Spesso per ottenere i benefici curativi di un vegetale è necessario consumarne in grande quantità.
Prendiamo per esempio l’anemia: una malattia che può essere contrastata dalle Barbabietole. Preferisci mangiare barbabietole tutti i giorni (sicuro che non ti stanchi?) o inserire le barbabietole nel tuo centrifugato quotidiano, mescolandole con altre verdure in modo da variare il sapore tutti i giorni?

10. Aiutano i bambini a consumare le verdure. Spesso i bambini non vogliono mangiare le verdure, mentre sono attratti dai succhi colorati. E inoltre puoi giocare con i sapori, in modo da far assumere al bambino quelle verdure che gli piacciono di meno.

Condividi questo articolo: 


 

Altre Notizie