Funghi per riciclare batterie al litio di smartphone e tablet

Smaltire batterie ricaricabili di smartphone e tablet presto potrebbe non essere più un problema, grazie a tre microscopici funghi ‘minatori’, normalmente presenti in natura, che sono capaci di estrarre cobalto e litio attraverso un processo di riciclo del tutto rispettoso dell’ambiente. Lo hanno scoperto i ricercatori dell’Università della Florida del Sud, che presentano i risultati dei loro studi a Philadelphia in occasione del convegno della Società Americana di Chimica (Acs), la più grande società scientifica al mondo. Questo tipo di batterie, presenti sui dispositivi elettronici, sono altamente inquinanti e pensare al loro smaltimento è di grande importanza per salvaguardare l’ambiente e la salute. Milioni di prodotti finiscono in discarica o negli inceneritori, creando emissioni nocive.

Il team di ricercatori della University of South Florida ha dimostrato che l’uso combinato di tre funghi come l’Aspergillus niger, il Penicillium simplicissimum e il Penicillium chrysogenum consente di estrarre cobalto e litio dalle batterie. Il recupero di queste materie, poi, permetterebbe all’industria di risparmiare denaro. “L’idea è venuta per la prima volta a uno studente che è riuscito a estrarre alcuni metalli dalle scorie lasciate in seguito a operazioni di fusione. Stavamo osservando un’enorme crescita di smartphone e di tutti gli altri prodotti con batterie ricaricabili, quindi abbiamo spostato la nostra attenzione. La domanda di litio è in rapido aumento, continuare a estrarre nuove risorse non è più sostenibile”, ha spiegato Jeffrey A. Cunningham, a capo dello studio.

Esistono altri metodi per separare il litio, il cobalto e altri metalli, ma richiedono temperature molto alte e prodotti chimici corrosivi. Il team di Cunningham sta sviluppando un modo sicuro e sostenibile.

Per prima cosa i ricercatori hanno smantellato le batterie e polverizzato i catodi. Poi hanno esposto quanto ottenuto ai funghi. Questi hanno iniziato a generare naturalmente acidi organici che hanno permesso l’estrazione dei metalli. “Attraverso l’interazione con i funghi, l’acido e il catodo polverizzato si può estrarre un buon quantitativo di cobalto e litio. Puntiamo a ripristinare quasi tutto il materiale originale”, ha aggiunto Cunningham.

I risultati ottenuti sinora mostra che l’uso di acido ossalico e acido citrico, due degli acidi organici generati dai funghi, si riesce a estrarre fino all’85% del litio e fino al 48% del cobalto dai catodi di batterie esauste. L’acido gluconico, invece, non si è rivelato efficace per l’estrazione il metallo. Dopo l’esposizione ai funghi il cobalto e il litio rimangono in un ambiente acido liquido. Al momento il team è impegnato nel capire come estrarre i due elementi da tale liquido.

Condividi questo articolo: 


 

Altre Notizie