Bologna: bimba di 10 mesi in rianimazione per cannabis nel sangue

Una bambina di 10 mesi è stata ricoverata all’ospedale Maggiore di Bologna nella notte tra lunedì e martedì scorso in gravi condizioni. Dopo i primi accertamenti è risultata positiva ai cannabinoidi, non è ancora chiaro se si tratti di sostanze sintetiche o di Marijuana. La Procura ha aperto un fascicolo a carico di ignoti.

Una famiglia dell’Appennino bolognese composta da due genitori trentacinquenni e da una bimba di 10 mesi, questo l’identikit delle persone coinvolte nella vicenda che è ancora al vaglio degli inquirenti. Nella notte tra lunedì e martedì scorso il 118 riceve una chiamata di soccorso per una bimba di 10 mesi che non sta bene, gli operatori hanno ipotizzato un incidente domestico perché la bimba non reagiva.

Trasferita al reparto pediatrico dell’ospedale Maggiore di Bologna, la bimba è stata sottoposta agli esami del caso ed è stata trovata positiva ai cannabinoidi. I sanitari hanno informato il posto di polizia presente in ospedale che hanno affidato il compito delle indagini alla Compagnia dei Carabinieri di Vergato. Al momento la Procura ha aperto un’inchiesta a carico di ignoti per lesioni colpose e sono stati avvertiti i servizi sociali, i genitori sono noti alle forze dell’ordine per questioni di spaccio.

La bambina è stata ricoverata in rianimazione per le condizioni che destavano non poche preoccupazioni e dopo le cure necessarie sembra si stia riprendendo. I genitori non hanno fornito alcuna spiegazione sull’accaduto e non è ancora chiaro se la sostanza sia stata inalata o ingerita, intanto le indagini sono partite con una perquisizione della casa della coppia.

Condividi questo articolo: 


 

Altre Notizie