Dieta: il pesce può prolungare i benefici dell’estate

Un’alimentazione corretta ricca di pesce può prolungare i benefici dell’estate. A pensarla così sono tre italiani su quattro, secondo i quali la ‘dieta da rientro’ deve essere a base di verdura e frutta ma anche di proteine nobili contenute appunto nei prodotti ittici. E quanto emerge da un’indagine della Federcoopesca-Confcooperative che, visto il periodo dei buoni propositi alimentari, stila anche la classifica dei pesci più light, dal nasello, all’orata, ai gamberi d’acqua dolce, per porre rimedio a qualche chilo di troppo accumulato durante le vacanze.

Peso sotto controllo e sonno tranquillo, basta consumare pesce un po’ più grassi. Ad evidenziarlo una ricerca dell’Università norvegese di Bergen che ha testato positivamente gli effetti del consumo di pesce grasso sul sonno, nonché su alcuni parametri legati alla vitamina D e agli omega 3, di cui questo alimento rappresenta la principale fonte alimentare. Alcuni studi, infatti, hanno dimostrato che adulti e bambini con bassi livelli ematici di omega 3 e di vitamina D presentano un maggior rischio di disturbi della qualità del riposo. Un’informazione che potrebbe interessare i tanti connazionali che soffrono di insonnia, pari a circa un terzo della popolazione. Insomma un cambio di dieta potrebbe essere utile, visto che in Italia, ricorda la Federcoopesca, si consumano meno di 20 chilogrammi l’anno di prodotti ittici, di cui appena il 15% con alto contenuto di omega 3. Per non vanificare i benefici dei prodotti, occhio però alla preparazione in cucina. I metodi più indicati sono la bollitura, la griglia e il forno. Gli omega 3 essendo grassi insaturi, sono instabili e degradano facilmente se sottoposti ad una cottura prolungata.

Per i problemi di peso, Federcoopesca ricorda che tra i pesci magrissimi, con un contenuto di grassi inferiore all’1%, ci sono nasello, orata, razza, gamberi d’acqua dolce, polpi; hanno un contenuto di grassi dall’1% al 3%, invece, sogliola, spigola, trota, palombo, rombo, calamari, seppie, mitili, ostriche e vongole; tra i semigrassi, tra il 3% e il 10%, ci sono dentice, triglia, tonno, pesce spada, salmone, sarde. Qualche grasso in più, oltre al 10%, ma sempre molto contenuto rispetto ad altri prodotti alimentari, hanno invece aringa, anguilla e sgombro.

Altra regola d’oro, per un menu che pesi poco sulla bilancia ma anche sul portafogli, è scegliere il prodotto di stagione che garantisce la freschezza e permette di risparmiare fino al 30% rispetto ad altre specie: settembre è il mese di acciuga, dentice, nasello, orata, pesce spada, sardina, sgombro, sogliola e triglia.

Condividi questo articolo: 


 

Altre Notizie