Morti infantili: tra le cause il cancro al cervello sorpassa la leucemia

La leucemia non è più la causa numero uno di morte nei bambini, a superarla per la prima volta il cancro al cervello, secondo un nuovo rapporto del National Center for Health che copre gli anni che vanno dal 1999 al 2014 e descrive le variazioni dei tassi di mortalità dovute al cancro tra bambini e ragazzi di età compresa tra 1 e 19 anni.

I tassi di mortalità dovute al cancro in età pediatrica sono in calo a partire dalla metà degli anni ’70, secondo il rapporto pubblicato dal National Center for Health Statistics. “Il passaggio da leucemia a cancro al cervello come causa principale di morte per cancro è uno sviluppo degno di nota nella storia del cancro infantile perché è sempre stata la leucemia fino a poco tempo fa,” ha detto l’autore Sally Curtin, demografo ed esperto di statistica NCHS, che è parte dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC).

Nel 2014 erano ancora 1.785 i decessi per cancro nei bambini e negli adolescenti, di questi più della metà erano dovuti al cancro al cervello e alla leucemia. Nel 1999, sei su 20 decessi per cancro tra i bambini erano dovuti alla leucemia e circa cinque su 20 al cancro al cervello, secondo i numeri del rapporto. Nel 2014 questi numeri si sono invertiti.

Grandi progressi terapeutici” nel trattamento dei tumori, in particolare delle leucemie, hanno probabilmente comportato l’aumento della sopravvivenza, hanno scritto i ricercatori nella loro relazione. Nel complesso, il tasso di mortalità di cancro per bambini e ragazzi è sceso del 20 per cento nel corso dei 15 anni inclusi nello studio. Tra le donne, il tasso globale di mortalità del cancro è sceso del 22 per cento. Tra i maschi, è sceso del 18 per cento.

Durante tutto il periodo di studio, il tasso di decessi per cancro tra i maschi ha superato quello delle femmine. “Gli specialisti di leucemia hanno fatto davvero un grande lavoro di diversificazione di questi pazienti dando loro una terapia appropriata a seconda che i loro tumori fossero più aggressivi oppure no“, ha detto il Dott Peter Manley, pediatra neuro-oncologo presso il Dana-Farber/Boston Children’s Cancer and Blood Disorders Center.

Ma la sopravvivenza dei tassi tra i bambini con tumori cerebrali non è cambiato molto. Tuttavia, i tassi di sopravvivenza relativi ad alcuni sottotipi di tumori cerebrali, come il gliomi di basso grado, stanno migliorando e la ricerca corrente è molto promettente. “Ci sono alcune informazioni davvero interessanti che stanno venendo fuori“, ha detto Manley.

Una nuova ricerca sul cancro al cervello si sta concentrando sulla genomica del cancro facendo uso dell’analisi molecolare e del sequenziamento del genoma da cui imparare cosa rende i tumori anomali e cosa li induce a crescere. I ricercatori stanno anche sviluppando farmaci che hanno come target le molecole coinvolte nella crescita del tumore e la loro diffusione.

Le informazioni provenienti da questa ricerca sono così impressionanti che la mia sensazione è che continueremo a vedere un calo della mortalità“, ha detto Manley. Il cancro pediatrico non riceve i finanziamenti nazionali quanto quello per gli adulti, ha osservato. Nel complesso, la cosa importante da prendere in considerazione da questo rapporto è che, su tutta la linea, ci sono significativamente meno decessi per cancro negli ultimi 15 anni. Quindi la speranza è che nei prossimi 15 anni continueremo a vedere un calo della mortalità infantile.

Condividi questo articolo: 

AH, LEGGI ANCHE QUESTI !



 

Altre Notizie