Amazon punta ad alimentari, pronti negozi mini-market per ritirare la merce comprata online

Amazon continua la sua corsa. Il colosso di Jeff Bezos intensifica gli sforzi sull’alimentare e studia l’apertura di minimarket e punti dove andare a ritirare gli ordini effettuati online. Questa è l’ultima idea di Amazon, che avrebbe intenzione di aprire negozi fisici in cui acquistare prodotti e magazzini in cui ritirare la merce comprata online. Lo scrive il Wall Street Journal citando fonti vicine al colosso guidato da Jeff Bezos.

Oltre a far la spesa di generi alimentari freschi mentre si trovano al supermercato, i clienti di Amazon potranno anche ordinare alimenti a lunga conservazione e farseli portare a casa il giorno stesso. Inoltre sarà possibile prenotare la propria borsa della spesa online e recarsi nel punto vendita soltanto per il ritiro.

Da tempo si parla di Project Como, il programma ancora top secret con il quale Amazon ha intenzione di espandersi nel settore. In America infatti l’acquisto di alimenti rappresenta un quinto della spesa dei consumatori, ma i supermercati online intercettano solo il 2% del giro d’affari, secondo una analisi di Morgan Stanley. Un numero che tuttavia quest’anno potrebbe raddoppiare raggiungendo 42 miliardi di dollari di giro d’affari.

Punti vendita in cui acquistare beni deperibili, quali latte e carne, e conosciuti all’interno della societa’, Project Como. L’obiettivo è quello di catturare il pubblico che preferisce ritirare i propri prodotti di persona e portarli a casa di ritorno dal lavoro. Per Amazon le vendite di prodotti alimentari sono cruciali per la crescita, con gli americani che riforniscono i loro frigoriferi una volta a settimana. In media infatti un americano si reca al negozio di alimentari più di una volta a settimana, spendendo 5.500 dollari l’anno.

Per ora Amazon offre solo il servizio Fresh: con 15 dollari al mese (pagando i 99 dollari annuali di Prime) è possibile ordinare e farsi consegnare prodotti freschi a casa: Nei prossimi anni, le consegne dovrebbero essere giornaliere e a un orario prestabilito dal cliente. Negli Stati Uniti l’acquisto di alimenti rappresenta un quinto della spesa dei consumatori, ma i supermercati online intercettano solo il 2% del giro d’affari, secondo una analisi di Morgan Stanley. Un numero che tuttavia quest’anno potrebbe raddoppiare raggiungendo 42 miliardi di dollari di giro d’affari.

Condividi questo articolo: 


AH, LEGGI ANCHE QUESTI !



 

Altre Notizie